Progettazione e Architettura

Ingegneri e formazione, guida all'autocertificazione dei crediti

Giuseppe Latour

Una circolare del Cni spiega le modalità per attestare le attività di aggiornamento informale svolta nel corso del 2014 - In ballo 15 crediti

Guida alla certificazione degli aggiornamenti informali connessi all'attività professionale. Il Consiglio nazionale degli ingegneri ha appena pubblicato una circolare, con diversi allegati, nella quale si spiega passo dopo passo come i professionisti dovranno comportarsi per ottenere l'attribuzione dei quindici crediti formativi collegati alle autocertificazioni .
L'istanza di riconoscimento dei crediti, secondo quanto indica il Consiglio nazionale, deve essere presentata esclusivamente al Cni "mediante una compilazione online di apposito modulo disponibile sulla piattaforma della formazione www.formazionecni.it". Non sono accettate altre forme di invio della richiesta. La spedizione del modulo sarà possibile a partire dal 2 dicembre 2014 fino al 15 gennaio 2015. Per compilare l'istanza "è necessario disporre di credenziali personali che verranno rilasciate dal portale www.formazionecni.it attraverso l'apposita procedura di registrazione. La procedura di registrazione richiede di disporre obbligatoriamente di indirizzo pec ed email personale, per validarne l'invio".

Clicca qui per scaricare l'allegato 1
Clicca qui per scaricare l'allegato 2
La circolare precisa che "i 15 crediti formativi vengono assegnati per l'aggiornamento informale svolto dal dichiarante nell'ambito della propria attività lavorativa". Le singole attività professionali effettuate nell'anno oggetto di autocertificazione vanno descritte "con gli opportuni riferimenti, che ne consentano la verifica. Non sono previste informazioni minime da inserire, in quanto queste saranno autonomamente decise dal compilatore". Non occorre allegare alcun documento che dimostri la dichiarazione fatta.
Le singole attività di aggiornamento, effettuate nell'anno oggetto di autocertificazione, devono essere descritte con gli opportuni riferimenti che ne consentano la verifica. "Ove non indicato non sono previste informazioni minime da inserire, in quanto queste saranno autonomamente decise dal compilatore", precisa il documento. Anche in questo caso, non serve allegare alcuna documentazione.
L'assistenza tecnica e la risposta alle singole richieste di informazioni saranno gestite dalla Scuola superiore di formazione per l'ingegneria esclusivamente in via telematica. Il riconoscimento dei 15 crediti, dopo la presentazione dell'istanza, sarà verificabile direttamente dai singoli dichiaranti nella propria pagina personale del portale a partire dal primo febbraio 2015. Il modello è valido esclusivamente per il riconoscimento delle attività svolte nel 2014.
La circolare si chiude con gli esempi di alcune tipologie di attività di aggiornamento che possono essere indicate. Come approfondimento tecnico si potranno citare libri, riviste, articoli, software, hardware. Sul fronte degli aggiornamenti normativi, si potranno indicare approfondimenti su leggi nazionali, regionali e circolari. Completa il quadro la partecipazione a convegni, seminari e fiere, come il Saie e il Made.


© RIPRODUZIONE RISERVATA