Progettazione e Architettura

Nuove norme tecniche, Atecap (calcestruzzo): «Passo avanti per l'innovazione»

Giuseppe Latour

L'associazione dei produttori di calcestruzzo preconfezionato esprime soddisfazione per il testo approvato dal Consiglio superiore dei lavori pubblici

Innovazioni positive sia per i prodotti che per l'uso sostenibile delle risorse e i controlli. Tra le tante voci negative, arriva un commento soddisfatto sull'approvazione dell'aggiornamento delle Norme tecniche per le costruzioni. Lo esprimono i produttori di calcestruzzo preconfezionato, riuniti nell'Atecap. Per loro il testo può essere perfezionato, ma va comunque nella giusta direzione.

«È indubbio che tutto è migliorabile ma l'Atecap non può che esprimere soddisfazione per un testo che ha sostanzialmente recepito i suggerimenti della categoria, volti a rendere le Norme tecniche sempre più efficaci», spiega il presidente Silvio Sarno. «Da tempo l'associazione è al fianco del Consiglio superiore dei lavori pubblici per la messa in campo di iniziative a supporto della qualificazione del settore. L'intenzione è quella di proseguire in questa direzione. Come in passato, l'Atecap si renderà disponibile per promuovere la massima diffusione e la rigorosa applicazione delle norme».

In riferimento alle disposizioni che riguardano più direttamente il calcestruzzo, «le informazioni attualmente disponibili consentono di affermare che le norme tecniche fanno alcuni passi avanti in termini di innovazione di prodotto e di uso sostenibile delle risorse, due concetti chiave per il nostro settore». Un'altra nota positiva, poi, «è una maggiore chiarezza delle disposizioni soprattutto in relazione ai controlli».

Per il resto, l'Atecap sottolinea che «il dibattito che ha preceduto l'approvazione e i commenti negativi che ne sono seguiti hanno riguardato aspetti che non rientrano nelle competenze della categoria dei produttori di calcestruzzo». I punti controversi, in sostanza, sono legati a legno, materiali innovativi, edifici esistenti. Tutti capitoli che non hanno toccato le parti di interesse dell'Atecap.

«I risultati ottenuti – conclude l'associazione - sono l'effetto, da una parte, del contributo tecnico attraverso proposte di modifica e, dall'altra, della stretta collaborazione con il Consiglio superiore dei lavori pubblici che ha consentito di trasferire all'amministrazione quella conoscenza della realtà del settore che è alla base di normative efficaci. Questa sinergia ha portato nel 2011 alla nascita dell'Osservatorio sul calcestruzzo e sul calcestruzzo armato, un'iniziativa che ha avuto, fra gli altri, il merito di creare un canale di dialogo fra operatori e istituzioni».


© RIPRODUZIONE RISERVATA