Progettazione e Architettura

Profili dinamici e linee bicolori: a Gorizia inaugurato il Palasport firmato waltritsch a+u - Foto

Francesca Oddo

A Ronchi dei Legionari ultimata la ristrutturazione del polo intitolato all'atleta Filiput e nato da un concorso bandito dal Comune

È stato appena inaugurato il Palasport Filiput a Ronchi dei Legionari, in provincia di Gorizia, oggetto del concorso per la messa a norma e per la ristrutturazione della struttura bandito nel 2010 dall'amministrazione comunale che ha fornito il progetto preliminare. Opera di Dimitri Waltritsch, capogruppo del team vincitore del concorso, il Palasport è intitolato ad Armando Filiput, corridore olimpionico della disciplina a ostacoli negli anni ‘40 e ‘50 del secolo scorso. Nella primavera del 2011 il progettista ottiene l'affidamento dell'incarico di progettazione definitiva, esecutiva, direzione lavori e direzione artistica e già nel 2012 iniziano i cantieri, che tuttavia subiscono una battuta di arresto per circa un anno e mezzo a causa del fallimento dell'impresa aggiudicataria, S.I.E. Società Italiana Elettroimpianti di Codroipo (Udine), in difficoltà per via del patto di stabilità. La seconda aggiudicataria, R. T. Costruzioni Taiariol di Porcia (Pordenone), declina l'invito a subentrare. Sarà quindi ICI - Impianti Civili Industriali di Ronchi dei Legionari (Gorizia), terza impresa in classifica, a terminare i cantieri, riavviati solo alla fine del 2013 e conclusi nell'estate scorsa. Nel lasso di tempo intercorso fra l'interruzione e la ripresa dei lavori, il Comune ha dovuto affrontare spese impreviste per continuare a tenere aperta la struttura sportiva, una delle poche coperte a disposizione della comunità. Quello realizzato è il terzo lotto del primo dei due stralci, per una spesa di circa 330 mila euro e, nel complesso (I e II stralcio), di 1 milione e 200 mila euro. Per completare la ristrutturazione manca ancora l'adeguamento delle tribune, per il quale le risorse non sono disponibili.

Clicca qui per la fotogallery

L'intervento, situato nel cuore della città e all'interno di un parco, punta a creare un collegamento coperto fra il palasport e il pala roller esistenti, inizialmente non comunicanti. Il progetto ha previsto un ampliamento in direzione del pala roller e una razionalizzazione interna, con l'adeguamento degli spogliatoi e dei servizi alle normative sull'agibilità degli spazi pubblici da parte di utenti a ridotta capacità motoria e a quelle del Coni, Comitato Olimpico Nazionale Italiano; ancora, sono stati inseriti alcuni depositi, un'infermeria, una cucina rivolta all'esterno per gli eventi che si svolgono nel parco. L'elemento forte del progetto è la pensilina coperta che collega il palasport al pala roller: in aggetto rispetto al volume dell'ampliamento, il suo profilo è teso, dinamico, plastico. «L'intenzione è stata quella di accompagnare idealmente i movimenti dei giovani del pattinaggio artistico -spiega Waltritsch -, interpretandone, come una quinta dinamica, l'andamento dei volteggi e delle piroette». Oltre alla sua funzione di collegamento, la pensilina crea un luogo di incontro, ponendosi come punto di ritrovo per i giovani che escono dalle vicine scuole e per chi si ritrova nel parco. La bicromia del rivestimento in zinco titanio contribuisce a caratterizzare l'intervento e a rinforzare l'aerodinamicità della pensilina. Le due tinte - tendenti al verde bosco e al rosso prugna- fanno eco alle componenti cromatiche del parco, stabilendo così un dialogo fra ambiente costruito e naturale.
Dimitri Waltritsch, autore di altri progetti di qualità nel Friuli Venezia Giulia come la Biblioteca KBcenter e la Mediateca Casiraghi a Gorizia, in questo momento è impegnato all'estero con il Reyhan Gate in Iran e due masterplan per aree residenziali a Mosca.

I crediti del progetto
Committente: Comune di Ronchi dei Legionari (Gorizia)
Capogruppo: Dimitri Waltritsch (waltritsch a+u)
Team: Dimitri Waltritsch (waltritsch a+u) con Cecilia Morassi e Ilaria Sagrati. E con: Bensa project (management DL e sicurezza), Isaia Clemente (strutture), Fabrizio Matiussi (impianti termici), Paolo Tomasi (impianti elettrici), Isabella Zaninello (prevenzione incendi)
Impresa di costruzioni: ICI - Impianti Civili Industriali Coop, Ronchi dei Legionari (Go)
Cronologia: concorso / 2010, affidamento di incarico / 2011, realizzazione / 2012-2014
Superficie: 710 mq (470 mq all'interno, 240 mq all'esterno)
Costo complessivo (I e II stralcio): € 1.200.000
Costo del terzo lotto, I stralcio: € 336.226
Fotografie: Marco Covi


© RIPRODUZIONE RISERVATA