Progettazione e Architettura

Riconversione low cost a Lecco, l'ex scuola diventa centro civico «green»

Francesca Oddo

A Brivio l'intervento firmato da Sergio Fumagalli e finanziato dalla regione Lombardia: meno di 800 euro/mq per il nuovo polo super sostenibile

Con 788 euro al metro quadro il Comune di Brivio, in provincia di Lecco, si è dotato di un nuovo asilo nido e di un centro civico realizzati da Sergio Fumagalli attraverso un incarico diretto ottenuto nel 2009. L'intervento muove dalla riconversione di un'ex scuola elementare situata nella frazione di Beverate. L'amministrazione comunale disponeva di due fabbricati destinati a scuola che sono stati riuniti circa dieci anni fa in una sola struttura di nuova costruzione. L'edificio oggetto dell'intervento era quindi rimasto in disuso, sia pure per un breve periodo, fino a quando il Comune ha deciso di rifunzionalizzare la struttura e di destinarla ad asilo nido al piano terra e centro civico decentrato al primo piano. L'opera è stata finanziata con il contributo della Regione Lombardia attraverso due distinti bandi, uno per l'asilo nido, l'altro per il centro civico. La struttura aprirà al pubblico nell'autunno del 2014, più tardi del previsto in quanto, quando nel 2011 le opere erano quasi terminate, l'impresa appaltatrice IMECO di Molteno è entrata in concordato e la risoluzione del contratto è avvenuta nel 2013. Solo a quel punto il Comune ha assegnato i lavori di completamento a sette ditte diverse tramite appalti ad affidamento diretto.

Clicca qui per la fotogallery

Un lavoro di qualità, nonostante il costo contenuto, che dice certamente dell'abilità del progettista, il quale sottolinea che «le difficoltà emerse sia in fase di progetto che di direzione lavori sono derivate da un lato dal budget limitato (675 mila euro) in relazione ad un intervento così complesso e articolato, e dall'altro dal ribasso consistente dell'impresa (oltre il 18%) operato in sede di offerta. Per quanto riguarda le scelte di progetto, esse hanno dovuto necessariamente tendere a economizzare sia sui materiali che sulle tecnologie costruttive e impiantistiche; per la direzione dei lavori le difficoltà sono derivate dal fatto che l'eccessivo ribasso, da un lato costringe le imprese a scegliere ditte e fornitori più economici che non sempre garantiscono la qualità richiesta dal progetto, e dall'altro necessita di un maggior controllo della D.L. Questa è a mio avviso anche una delle ragioni del mancato rispetto del cronoprogramma dei lavori, che avviene frequentemente negli appalti pubblici».

Un iter articolato che tuttavia si è risolto con un progetto ben concepito, capace di donare nuova linfa vitale alla frazione di Brivio. Attraverso l'uso ben calibrato del colore, sia all'esterno sia all'interno, l'edificio si rinnova, oltre a proporsi come nuova occasione di socialità. Le pareti, che sono state migliorate nelle prestazioni energetiche con l'aggiunta di un cappotto termico, sono trattate con due colori, il bianco per la parte convessa e perimetrale dell'involucro e il rosso per le parti concave e scavate. In corrispondenza delle aree di ingresso del centro civico e delle parti basamentali dell'intero
fabbricato, le pareti con cappotto termico sono state protette con un rivestimento in pannelli di
grande dimensione in fibrocemento di colore grigio scuro.
All'interno dell'edificio torna l'attenzione al colore, soprattutto negli ambienti dell'asilo nido, reso in questo modo brioso, dall'aspetto ludico e giocoso. Alla sala civica polifunzionale del primo piano si accede dall'atrio centrale, completamente ridefinito con l'introduzione di uno spazio a doppia altezza. Sia il piano terra sia il primo piano godono di ampie vetrate, le quali consentono un dialogo con il contesto, con gli spazi pubblici e il giardino.

I crediti del progetto
Committente: Comune di Brivio (Lc)
Progettista: Sergio Fumagalli
Consulenti: Nuova Citi, Raffaele Fumagalli (impianti), Francesco Ferrari Da Grado (strutture), Ildefonso Ghezzi e Mara Uberti (sicurezza)
Imprese:
fino al 2011: Imeco di Molteno (LC)
dal 2013: Bolis Sergio (Calolziocorte, LC), Silcom (Milano), Maximpianti (Galbiate, LC), Isella tecnoimpianti (Nibionno, LC) , Cesana (Monguzzo, CO), Fumagalli (Bulciago, LC), Lariana Ponteggi (Molteno, LC)
Superficie: 857 mq
Costo: € 675.486
Inaugurazione: settembre 2014
Fotografie: Giacomo Albo


© RIPRODUZIONE RISERVATA