Progettazione e Architettura

Milano, cinque studi under 35 in gara per l'asilo in legno nell'area CityLife

Massimiliano Carbonaro

L'asilo da 60 bambini sorgerà nel grande parco urbano (168mila mq) incluso nel progetto di riqualificazione dell'ex area fieristica di MIlano. Previsto uin premio di 20mila euro più incarico

I vincitori delle ultime edizioni di AAA architetti cercasi (concorso promosso da Federabitazione Lombardia-Confcooperative e riservato agli under 35), sono stati chiamati da CityLife per la gara di progettazione dell'asilo – in legno – che sorgerà sul lato Ovest dell'area ex fieristica di Milano.

Cinque giovani studi invitati alla competizione privata per un asilo da 60 bambini che sorgerà immerso nel grande parco urbano (168mila mq) dell'area CityLife, tutto in legno, dotato di teleriscaldamento e alimentato da energie rinnovabili. Nel dettaglio in gara troviamo Marco Jacomella-Cooperativa Ines Bajardi, Ettore Bergamasco, Giorgia Cilli (rispettivamente i primi tre classificati dell'edizione 2013), Stefano Tropea (primo classificato dell'edizione 2010), Giampiero Sanguigni (primo classificato dell'edizione 2008). CityLife, in accordo con l'amministrazione meneghina ha invitato gli studi a confrontarsi per realizzare la nuova struttura che deve essere realizzata lungo il viale Berengario, in adiacenza a piazzale Arduino: in palio un premio da 20mila euro.

CityLife è la società, controllata da Gruppo Generali, impegnata nella riqualificazione dell'ex area espositiva in centro a Milano famosa per i progetti dei tre grattacieli a firma degli architetti Zaha Hadid, Arata Isozaki e Daniel Libeskind. Il progetto dell'asilo dovrà proporre le migliori soluzioni tecnologiche per la realizzazione di un edificio che risponda ad elevati standard di qualità architettonica e paesaggistica, di funzionalità e comfort degli spazi sia interni sia esterni, oltre che di sostenibilità ambientale e innovazione. Ma forse la più importante indicazione del bando riguarda il fatto che l'edificio deve essere pensato in legno. Il progettista vincitore del concorso verrà incaricato da CityLife anche della redazione del progetto definitivo. «È un'opportunità importante per questi giovani architetti emergenti, che saranno messi in gara tra loro per realizzare un'opera pubblica in un grande progetto di trasformazione urbana a Milano – ha spiegato la vicesindaco con delega all'Urbanistica Ada Lucia De Cesaris -. Tutti loro potranno impegnare il proprio talento e la propria creatività per progettare un asilo nido aperto al quartiere, offrendo ai bambini e alle famiglie spazi di qualità, belli, moderni, confortevoli e sicuri».


© RIPRODUZIONE RISERVATA