Progettazione e Architettura

Morto l'architetto austriaco Hans Hollein

L'architetto austriaco Hans Hollein, uno dei grandi maestri della progettazione contemporanea, vincitore del prestigioso Pritzker Prize gia' direttore di sezione della Biennale di Venezia, e' morto oggi in un ospedale di Vienna dopo una lunga malattia all'eta' di 80 anni. L'annuncio della scomparsa e' stato dato da un portavoce della famiglia.

Oltre che di numerose ristrutturazioni di interni (negozi a Vienna; Museo del vetro e della ceramica di Teheran, 1977-79), Hollein e' autore del Museo Municipale di Monchengladbach (1972-82). Tra le sue altre opere piu' rilevanti si ricordano: il distretto culturale di St. Polten e l'annesso centro espositivo (1992-2002); il complesso scolastico a Donau City, Vienna (1994-99); la sede delle Assicurazioni Generali a Vienna (2000); la sede della Interbank a Lima (1996-2001); l'ambasciata austriaca a Berlino (1996-2001); il Centrum Bank di Vaduz (1997-2002); il museo Vulcania a St-Ours-les-Roches, Puy-de-Dome (1994-2002); Saturn tower a Donau City, Vienna (2003-04). Tra i suoi progetti anche gli edifici commerciali e gli uffici dell'E-Ton Solar Headquarters di Tainan a Taiwan (cantiere 2005-07).

Nato a Vienna il 30 marzo 1934, dopo gli studi nella capitale austriaca, Hollein ha completato la sua formazione negli Stati Uniti (Illinois Institute of Technology, University of California). Dopo
aver ricevuto il Pritzker Prize nel 1985, negli anni Novanta e' diventato un autorevole protagonista della scena architettonica internazionale. Professore (1976-2002) e preside (1995-99) del Dipartimento di architettura dell'Universita' di arti applicate di Vienna, negli anni 1994-96 e' stato direttore della sezione d'architettura della Biennale di Venezia. Ufficiale della legione d'onore della Repubblica Francese e commendatore dell'ordine al merito della Repubblica Italiana, nel 2004 ha ricevuto l'Arnold W. Brunner Memorial Prize dell'American Academy of Arts and Letters.


© RIPRODUZIONE RISERVATA