Progettazione e Architettura

Udine, con vetro e acciaio design contemporaneo per l'antico mulino ad acqua

Alessia Tripodi

A Terenzano, nella pianura friulana, il progetto di recupero firmato dall'architetto Aldo Peressa e realizzato con i sistemi innovativi Schuco

Un antico mulino ad acqua che diventa contemporaneo e «green» grazie a materiali innovativi e a un progetto che unisce acciaio, larice e ampie vetrate trasparenti. È l'intervento di riqualificazione del mulino di Terenzano, in provincia di Udine, realizzato dall'architetto Aldo Peressa grazie anche al contributo dei sistemi Schuco, che hanno permesso di aumentare il livello di efficienza energetica dell'antica struttura senza rinunciare al comfort abitativo.

Clicca qui per la fotogallery

La corte del mulino collocata in posizione privilegiata all'interno del parco naturale del Cormor presenta tre volumi uniti tra loro attraverso una pianta a C. Ognuno di questi si identifica in modo particolare: il volume più antico e rappresentativo, cuore del progetto originario e risalente al ‘500, è stato restaurato mantenendo in facciata il rivestimento in sasso fluviale tipico della zona friulana.
Il secondo volume adiacente presenta invece nella corte interna una porzione di facciata terra-cielo rivestita in listelli di larice che «dà vitalità alla cadenza prospettica dei diversi edifici e ne definisce il ruolo nel contesto storico» spiega il progettista. C'è poi un terzo edificio che «caratterizza fortemente l'intervento» e completa la pianta a C, con un involucro in antitesi con agli altri edifici presenti nella corte.

Se negli antichi manufatti il rivestimento è rappresentato da materiali tipici della cultura locale come sasso di fiume e intonaco al grezzo, in questa nuova struttura si distinguono i pilastri in acciaio e le velette in larice, accompagnate da ampie aperture vetrate trasparenti, che danno la possibilità di «eliminare» il confine tra interno ed esterno per ritrovare il rapporto con la natura e il territorio. Le aperture vetrate Schüco ASS 50 che caratterizzano il progetto sono state progettate, realizzate e installate dalla ditta Lomi di Campodarsego (Pd).


© RIPRODUZIONE RISERVATA