Progettazione e Architettura

Lfl Architetti vince il concorso a inviti per la velostazione di Cesano Maderno

Francesca Oddo

La struttura da 206 mq sarà completata entro il 2015 - Teli «architettonici» e metallici per una soluzione leggera e trasparente

Lfl architetti realizzerà entro il 2015 una velostazione per il Comune di Cesano Maderno, nella provincia di Monza e Brianza. È il risultato del concorso di idee a inviti bandito dall'amministrazione comunale alla fine del 2013, destinato a individuare due proposte distinte per una struttura da adibire a velostazione e per la riqualificazione dell'asse di via Conciliazione e via Cozzi. Il concorso prevedeva la possibilità da parte dell'ente banditore di affidare al vincitore, tramite procedura negoziata senza bando, i successivi livelli di progettazione. Formula già adottata nel primo caso: il disciplinare è in via di definizione, l'approvazione dell'esecutivo è stata fissata per l'estate del 2014, l'inizio lavori per la fine dell'anno e la conclusione entro la fine del primo semestre 2015. Le risorse economiche, circa 450 mila euro per l'importo dei lavori (con un quadro economico di 650 mila), sono già disponibili.

La nuova velostazione: clicca qui per la fotogallery

Riqualificazione dell'asse via Conciliazione e via Cozzi: clicca qui per la fotogallery

Il progetto, la cui superficie coperta è di 206 metri quadrati, mostra una struttura molto leggera, semplice, trasparente: «Non dovendo garantire tenuta all'aria, acustica e isolamento termico abbiamo scelto un involucro leggero in grado di garantire protezione dalle intemperie che di notte diventa riferimento luminoso per l'area», spiegano i progettisti. Il rivestimento è pensato in «teli architettonici», costituiti da una membrana traspirante e microforata che avvolge l'intero volume del deposito biciclette caratterizzandolo con una scansione ritmata di colori. Alla membrana si affianca poi un telo metallico di acciaio inox. «Le due testate della velostazione sono risolte in maniera differente: una è in lastre di vetro temperato e serigrafato, applicate per punti alla struttura metallica, l'altra abbina l'uso del telo colorato a chiusure in profili di acciaio corten e pannelli in tela metallica di acciaio inox», continua Lfl. Una soluzione costruttiva, quella adottata, che garantisce velocità di montaggio e di smontaggio. Più lenti i tempi di evoluzione del concorso per la riqualificazione dell'asse di via Conciliazione e via Cozzi, rispetto al quale, al momento, si conoscono solo i nomi dei vincitori ex aequo: Laura Anna Pezzetti e Nicola Mastalli da una parte, Marco Castelletti dall'altra.


© RIPRODUZIONE RISERVATA