Progettazione e Architettura

Più spazio nella residenza collettiva alle porte di Bologna

Francesca Oddo

Il progetto di ampliamento del collegio universitario internazionale a San Lazzaro di Savena firmato Nuovostudio architettura e territorio

Inaugurato un altro importante tassello del Collegio Universitario Internazionale sulla collina di San Lazzaro di Savena, appena fuori Bologna. L'intervento fa parte di un più ampio programma voluto da un ente privato - che preferisce mantenere riserbo sul proprio nome - da molti anni impegnato ad accogliere studenti provenienti da varie parti del mondo, purché iscritti all'Università di Bologna, che desiderino affiancare allo studio un'esperienza di vita comunitaria.

L'incarico diretto, per un programma nato con il recupero e il restauro dell'edificio originario e che si sta sviluppando con la realizzazione di nuovi plessi ricettivi, è stato affidato a NUOVOSTUDIO architettura e territorio di Ravenna. Il nuovo edificio, dalle linee pulite, schietto nel linguaggio, si estende per circa 800 metri quadrati e il costo complessivo è di circa 1,54 milioni (Iva inclusa), somma coperta integralmente dal committente.

Realizzato con l'impresa ravennate Acmar, l'ampliamento è un volume compatto di tre piani fuori terra più un piano interrato, integrato funzionalmente all'architettura del complesso esistente e del quale ripete esattamente la scansione dei piani orizzontali. Verso sud, cioè verso la collina, il fronte si apre in tre serie sovrapposte di ampie vetrate a nastro; dalle aperture rivolte a nord si intercetta, invece, il profilo della città di Bologna. Il rivestimento esterno è a doghe verticali di legno le cui sfumature fanno eco alle tinte del paesaggio rurale. Non manca l'attenzione al risparmio energetico: «Le murature esterne sono realizzate mediante una facciata ventilata tra il rivestimento in doghe e il muro strutturale, che a sua volta è rivestito con un cappotto dello spessore di 12 cm - spiegano i progettisti -. Gli infissi sono tutti certificati a elevatissima prestazione termica e, per ultimo, l'edificio è dotato di pannelli solari termici sulla copertura». L'intenzione, per i prossimi anni, è quella di realizzare altri ampliamenti con diverse destinazioni d'uso.

Vai alla Gallery (link )


© RIPRODUZIONE RISERVATA