Progettazione e Architettura

Cipe, 27 milioni alla Cittadella di Salerno - Le incompiute di De Luca (con gallery)

A.A.

Il vice-Ministro (uscente) Vincenzo De Luca ha ottenuto la destinazione anticipata di fondi Sviluppo e coesione 2014-2020, sfruttando una norma della legge di Stabilità 2014

Prima di lasciare la poltrona di vice-ministro delle Infrastrutture il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca è riuscito a mettere le mani sui 26,5 milioni di euro che mancavano alla sua città per completare la Cittadella giudiziaria, opera da circa 90 milioni di euro avviata nel 2003 e non ancora completata (clicca qui per l'elenco delle "incompiute" di Salerno , e per la fotogallery )

Negli anni '90 il sindaco (già allora) Vincenzo De Luca affidò il progetto all'architetto britannico David Chipperfield che la localizzò nel centro della città, nell'area dell'ex scalo merci.
Dopo un primo avvio dei lavori nel 2003, con la previsione di chiudere il cantiere in circa 2 anni, i lavori si sono bloccati a causa di ritrovamenti archeologici e, nel 2008 a causa del fallimento dell'impresa appaltatrice che si era aggiudicata la gara al massimo ribasso.
Nello stesso anno, prima dello stop dei lavori, sono stati conclusi i lavori strutturali.
Nel 2010 il cantiere è stato affidato ad un'altra ditta che è ha completato proprio nelle settimane scorse le prime tre palazzine, la cui inaugurazione è prevista per la fine di febbraio. Ma per il completamento delle restanti tre palazine si era in attesa di un finanziamento di circa 27 milioni di euro. Fondi che De LUca è riuscito ad ottenere oggi dal Cipe.

Il Cipe - recita l'esito ufficiale di Palazzo Chigi - «ha assegnato in via programmatica, per il completamento della "Cittadella giudiziaria di Salerno", l'importo di circa 26,5 milioni di euro a carico delle disponibilità del Fondo per lo sviluppo e la coesione per il periodo 2014 – 2020, ai sensi dell'art. 1, comma 181, della legge 27 dicembre 2013 n. 147».

«Al termine di una lunga e minuziosa attività istruttoria - ha detto il sindaco di Salerno e viceministro alle Infrastrutture, Vincenzo De Luca - si conclude positivamente una vicenda di grandissima importanza. Si è raggiunto un risultato storico che permetterà il definitivo completamento di un'opera necessaria per l'attività giudiziaria, oltre che di grandissima qualità urbanistica ed architettonica. In questo contesto di gravissime difficoltà finanziarie è quasi un miracolo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA