Progettazione e Architettura

Maire Tecnimont, maxicommessa per potenziare una raffineria in Camerun

Maire Tecnimont annuncia che il consorzio costituito tra alcune delle proprie controllate (86%) e la società turca Ustay (14%), si è aggiudicato la fase II del progetto di espansione del complesso di Sonara in Camerun. Il progetto riguarda la realizzazione di un nuovo complesso hydrocracker
all'interno della raffineria situata a Limbè (nel sud-ovest del Paese) e ha l'obiettivo "di migliorare la qualità dei prodotti raffinati, oltre che di accrescere la flessibilità complessiva dell'impianto".
Il cliente è Societè Nationale de Raffinage (Sonara), ente di Stato che possiede e gestisce l'unica raffineria del Paese. Il valore complessivo del contratto è pari a circa 715 milioni di dollari, di cui circa 612 milioni di competenza del gruppo Maire Tecnimont, le cui attività riguardano i servizi di ingegneria per l'intero progetto, le attività di procurement, la costruzione di parte dell'impianto, oltre ai servizi di construction supervision e di commissioning. La restante parte delle attività di costruzione sarà realizzata da Ustay. Il completamento del progetto è previsto per la seconda metà del 2017.
"Il progetto di Sonara conferma, ancora una volta, l'apprezzamento da parte dei nostri clienti della validità della nostra strategia focalizzata sul core business" ha commentato Pierroberto Folgiero, ad di Maire Tecnimont.


© RIPRODUZIONE RISERVATA