Progettazione e Architettura

Due landmark a Riva del Garda: entro il 2014 le gare per i lavori

Paola Pierotti

Consegnati a Patrimonio del Trentino (Provincia) gli esecutivi del polo fierstico e del palacongressi con il nuovo teatro. Entro il 2017 saranno realtà le opere nate dai concorsi vinti da Coop Himmelb(l)au, Heliopolis21 e Arx e dai milanesi Piuarch

Entro il 2014 partiranno due gare per costruire l'ampliamento della fiera e per realizzare il palacongressi e il nuovo teatro di Riva del Garda. Patrimonio del Trentino ha i progetti esecutivi dei due interventi firmati rispettivamente da Coop Himmelb(l)au, Heliopolis21 e Arx e dai milanesi Piuarch con l'ingegnere Andrea Palaia. «Stiamo facendo le ultime valutazioni sulla tipologia del bando. La giunta provinciale - ha dichiarato Claudio Bortolotti, Presidente Patrimonio del Trentino - prevede di procedere con un project financing, anche la nostra società è favorevole ma non abbiamo ancora deliberato in merito. Sicuramente le gare partiranno entro il 2014 e prevediamo la consegna delle opere entro il 2017».

L'ampliamento della fiera (fotogallery)

Il palacongressi e il nuovo teatro (fotogallery)

L'ampliamento della fiera vale 42 milioni di euro, la costruzione del palacongressi e del nuovo teatro ne vale 32 milioni. Le opere resteranno di proprietà della Provincia, fatta eccezione per il teatro che sarà costruito sulla fascia lago e sarà ceduto al Comune una volta costruito, come permuta.

L'ampliamento del polo fieristico. Sono passati sette anni dal concorso vinto dalla cordata guidata da Coop Himmelb(l)au, Heliopolis 21 e Arx che per l'ampliamento del polo fieristico di Riva del Garda aveva proposto un «tetto di Nuvole». Da allora, il progetto è andato avanti a più riprese: è stato modificato e ottimizzato, dopo vari confronti tra committenza (Patrimonio del Trentino), progettisti e società di gestione a partire dal 2008, «sulla base delle mutate esigenze del mercato e della disponibilità di nuove aree di progetto» spiegano i progettisti dello studio Heliopolis21 che hanno curato il nuovo progetto esecutivo. Heliopolis 21, alla guida dell'associazione temporanea fin dalla fase definitiva, è diventato infatti il capofila della cordata.

Il progetto, nella sua nuova veste, prevede anche un'ottimizzazione dei costi (42 milioni equivalenti a circa 1.000 euro/mq) e la realizzazione di nuovi spazi polifunzionali da utilizzarsi sia come palazzetto dello sport da 1600 posti, sia come spazio destinato al pubblico spettacolo per 2000 spettatori, attività che mancavano nell'Alto Garda.

«Il potenziamento degli spazi fieristici – raccontano dallo studio - avverrà quindi attraverso l'aumento delle superfici a disposizione del complesso della Baltera, che da 47.000 mq di superficie dell'esistente passerà complessivamente ad oltre 83.000 mq garantendo quella flessibilità d'uso sempre più importate e strategica per il futuro».

Il progetto si arricchisce di spazi espositivi, di un foyer, un ristorante belvedere con ampi spazi all'aperto in copertura e di una sky lounge utilizzabile anche dalla comunità. La Provincia di Trento stima di riuscire a far partire i lavori entro la fine del 2014 e di ultimare l'opera entro il 2017.

Il centro congressi e il nuovo teatro. Il progetto in questo caso è firmato dai milanesi Piuarch e dall'ingegner Andrea Palaia che hanno vinto il concorso internazionale nel giugno del 2007. A maggio 2008 gli architetti erano stati incaricati per la progettazione preliminare e a novembre era stata consegnata la documentazione. Ma poi per due anni l'operazione è stata congelata, finchè a novembre 2010 lo studio è stato incaricato per la progettazione del viale d'accesso al grande albergo (firmato da Alberto Cecchetto e realizzato) mai passato dalla carta al cantiere. Ma il progetto lentamente è decollato e a fine 2013 i progettisti hanno consegnato l'esecutivo che dovrà essere integrato con ulteriori documentazioni, per poter dare avvio alla gara entro l'anno.

«Dal concorso ad oggi l'architettura non è variata – racconta German Fuenmayor, socio di Piuarch – nonostante il progetto si sia dovuto adattare alle varianti, ad aumenti di superfici e all'integrazione di nuove funzioni, a partire dall'aumento del numero di parcheggi. In pianta il progetto è diventato più grande ma sostanzialmente non è cambiata la geometria né l'immagine del progetto».

Il progetto Piuarch si compone di tre funzioni principali: il centro congressi, lo spazio espositivo, il teatro . «Il nuovo edificio – spiegano gli archtietti - rappresenta un punto di snodo importante ed è inserito all'interno di un sistema paesaggistico di grande valore con il quale si confronta e di cui assume e sottolinea gli elementi tipici».

Due i principali elementi di riconoscibilità: la torre scenica del teatro e la vetrata del volume a sbalzo verso il lago. «La piazza che si viene a formare nello spazio davanti all'ingresso della hall – raccontano gli architetti - diventerà un luogo protetto e pubblico di connessione con il centro storico. La copertura è determinata dal taglio di piani inclinati, che fanno variare l'altezza dei fronti, assegnando all'edificio una forma tridimensionale più fluida, così da accogliere sopra il teatro la platea dell'arena estiva». Il rivestimento dei volumi è in pietra, a eccezione della facciata vetrata che si sviluppa attorno alla piazza e per tutta l'altezza della torre scenica.

La piazza diventa il punto privilegiato d'accesso al teatro e al palacongressi e una corte che accoglie i percorsi provenienti dal centro storico, filtrandoli verso il lungolago; sempre sulla piazza approderà il sistema di scale e ascensori dal parcheggio interrato. La torre scenica del teatro diventerà non solo l'elemento di riconoscibilità del nuovo edificio, ma anche punto di riferimento per la città, segnando l'inizio del volume architettonico e consentendo di organizzare, su un lato, proiezioni cinematografiche. Il volume architettonico si concluderà con un elemento a sbalzo verso sud, uno spazio relax o espositivo all'occorrenza con un affaccio privilegiato sul lago, attraverso una grande vetrata.


© RIPRODUZIONE RISERVATA