Progettazione e Architettura

Torre di 30 piani sul lungomare di Salerno: svelato il progetto di Benini finanziato dai costruttori locali

Paola Pierotti

È firmato dall'architetto milanese Dante Benini il masterplan per l'area della stazione centrale di Salerno e per Piazza della Concordia. Il progetto è stato presentato ufficialmente nella sede dell'Aniem ed è stato proposto da una trentina di costruttori salernitani

Il futuro di Salerno è nelle mani dei privati. Svelato un nuovo progetto firmato dall'architetto milanese Dante Benini per la riqualificazione dell'area della stazione centrale e di Piazza della Concordia. Si tratta di un investimento da 350milioni in cui si prevede la costruzione di nuovi immobili e infrastrutture: un progetto che si sviluppa su un'area di 126mila mq per 272mila mc di cubatura. Il landmark sarà una torre di 30 piani.

La proposta è stata elaborata da un gruppo di una trentina di imprenditori salernitani che conta di depositare entro il prossimo mese al Comune la sua proposta in project financing.

Le immagini del progetto

Piazza della Concordia e Piazza Mazzini sono punti di arrivo e partenza, aree transitorie che richiedono da tempo un progetto di sviluppo. In questo contesto si inserisce la proposta di Aniem (associazione delle imprese edili) Salerno che con uno studio di fattibilità si propone di affrontare la riqualificazione urbana dell'area centrale della città campana. «Questo progetto vuole accompagnare la città al mare, attraverso un grande polmone verde – spiegano i promotori – e attraverso piazze che abbiano in sé un sistema di relazioni che porti ad interagire tra loro la stazione, la cittadella giudiziaria, il lungo Irno, la piazza della Concordia e la realizzazione della piazza della Libertà e l'edificio Crescent».

Salerno, opere-simbolo al ralenti. Fase due con i privati (l'approfondimento)

Il progetto prevede anche la razionalizzazione del sistema di trasporto pubblico con la creazione di un nuovo terminal bus e la creazione di una nuova viabilità interrata in modo tale da rendere piazza della Concordia interamente pedonale.

«La Torre di Benvenuto – auspicano i promotori - diventerà il faro di Salerno e sarà anche la sua accoglienza». All'interno dell'edificio alto 30 piani si prevede un albergo a 5 stelle con ristorante panoramico e residenze ad elevato standard qualitativo.

Secondo il progetto di Dante Benini il verde del parco si trasformerebbe in un percorso pedonale che ricongiungerebbe l'area ferroviaria con la valle dell'Irno. La nuova piazza, a ridosso del parco e dei bordi della stazione, diventerebbe il fulcro permeabile dell'area.

Per quanto riguarda la distribuzione funzionale la zona residenziale, nelle intenzioni del progetto, si relaziona con le preesistenti residenze lungo la via Dalmazia, e la zona commerciale e terziaria con la zona a ridosso della principale arteria commerciale cittadina, il corso e la vicina cittadella giudiziaria, cercando di incentivare il mix funzionale.

Pasticcio Crescent

Salerno, dal terminal di Hadid alla cittadella di Chipperfield, città delle incompiute contemporanee (fotogallery)


© RIPRODUZIONE RISERVATA