Progettazione e Architettura

I vincitori di Europan12: team francese si aggiudica Milano, tre ex aequo a Venezia

Paola Pierotti

Aggiudicata oggi la dodicesima edizione del concorso europeo Europan, gara internazionale riservata ai progettisti under40: 1.762 progetti per 51 aree di progetto in 16 paesi europei. Tra questi ci sono 69 progetti per due aree metropolitane italiane: Venezia e Milano

Aggiudicata oggi la dodicesima edizione del concorso europeo Europan, gara internazionale riservata ai progettisti under40, un concorso con cadenza biennale atteso da migliaia di giovani architetti che hanno l'opportunità di mettersi in competizione con i colleghi europei e di affrontare temi di progettazione di scala urbana.

Europan 12 si può raccontare in cifre: 1.762 progetti per 51 aree di progetto in 16 paesi europei. Tra questi ci sono 69 progetti per due aree metropolitane italiane: Venezia e Milano. L'amministrazione comunale di Venezia si è portata a casa tre progetti ex aequo, firmati da giovani italiani: tre soluzioni alternative per lo sviluppo dell'area urbana a ridosso della stazione di Mestre. Milano ha invece un progetto vincitore per ridiseganre il cosiddetto Porto di Mare,un'area di particolare interesse ambientale nella prima periferia del capoluogo lombardo. In questo caso il progetto è firmato da giovani francesi.

L'Italia, dopo aver congelato Europan nel 2011 per l'assenza di aree oggetto di concorsi e non avendo ancora dato seguito al progetto per Genova vincitore nel 2009 in un'area privata, nel 2013 ha potuto contare sulla collaborazione di due pubbliche amministrazioni, il Comune di Milano e di Venezia.

Milano. Per il sito «Porto di Mare», un'area di completamento del capoluogo lombardo, e porta di accesso a un sistema di recupero ambientale, è risultato vincitore il progetto di un team francese composto dagli architetti Cyrille Lamouche, Cécilia Robergeaud e Guillaume Chatelain. La spina dorsale del progetto proposto è la creazione di un boulevard rurale, che si integra con la città e garantisce la continuità dei sistemi verdi verso il centro di Milano. Sempre a Milano è stato segnalato anche un secondo progetto, un 'Porto agricolo', dell'architetto italiano Jonathan Galli con gli architetti Emiliano Capasso, Roberto Alesi, Serena Armandi, Giammario Volatili e Serafino D'Emidio come collaboratori.

Per il sito di Milano sono state attribuite anche quattro menzioni speciali agli architetti francesi Julie Siol, David Pistre, Louis Bauchet; agli architetti italiani Andrea Fradegrada, Valentina Celeste, Simone Natoli, Giovanni Munafò, Riccardo Riva; a un altro team italiano guidato da Simone Sante, Laura Fabriani, Ester Bonsante, Alessandro Zappaterreni; e da un quarto team sempre italiano con Lina Malfona, Elena Mattia, Monica Manicone, Gregorio Froio.

Venezia è rimasta senza vincitore: la giuria ha scelto infatti di assegnare tre segnalazioni ex-aequo per altrettante soluzioni di sviluppo alternativo nell'area della stazione di Venezia-Mestre.
Un progetto è degli architetti Gregorio Indelicato, Chiara Gugliotta, Mario Cottone. Il secondo è degli architetti veneti Andres Holguin, Gilda Lombardi, Alessandro Deana, Elena Barbiero con il collaboratore Benedetto Bertozzi. Il terzo progetto segnalato è di Francesco Messina, Francesco Fragale, Daria Caruso, Giuseppe Messina, Rosario Cristelli, Francesca Mazzone, Anna De Marco con la collaboratrice Giorgia di Giorgi.

Oltre alle tre segnalazioni, tre menzioni speciali per il sito di Venezia-Mestre sono andate ai progetti di Matteo Fraschini e collaboratori Camilla Fasoli, Elisa Riviera, Fiorella Nataly Medina Zambrano; allo spagnolo Jose María Sanchez con Eva Klenk, Alba Gonzalez, Elena Nuñez, Alicia Regodon, Cristina Teran, Chiara Oggioni, Paloma Diez Vallejo, Jaime Martín Rivero, Sofien Kaabi, Ignacio Hornillos Cárdenas, Enrique García-Margallo, Francisco Sánchez; e ancora agli italiani Bianca Montorselli, Flaminia Liberati, Daniele Carfagna, Walter Lafrate, Gaia Rengo, Stefano Bigiotti, Eride Caramia, Leonardo Loy. Menzione speciale anche al team italiano guidato da Alessandro Carmine Console (IT) e Gina Oliva.

La giuria in Italia. La commissione era unica per le due città ed era composta da Patrizia Gabellini, Alfonso Porrello, Franco Purini, Juan Manuel Palerm Salazar, Lapo Ruffi, Rodolphe Luscher e Valeria Sassanelli. La giuria ha assegnato in Italia 5 premi in denaro (1 vincitore a Milano e 4 segnalati tra Milano e Venezia) e 7 menzioni.Milano e Venezia hanno già annunciato di essere interessate a lavorare da subito insieme ai progettisti premiati.
Probabilmente si percorrerà la strada dei workshop insieme alle Pa e di FS Sistemi urbani per il caso di Mestre.

Vai ai migliori progetti per Milano (link )

Vai ai migliori progetti per Venezia (link )


© RIPRODUZIONE RISERVATA