Progettazione e Architettura

Riqualificazione «verde», il Segreen Business Park di Lombardini 22 vince il Premio Rebuild 2013

Paola Pierotti

Consegnati a Riva del Garda i riconoscimenti ai migliori progetti italiani di architettura in chiave sostenibile - Al secondo posto «Brennone 21» di Laboratorio di Architettura e al terzo la ristrutturazione dell'edificio milanese «La Serenissima» firmata da Park Associati

Tre architetture italiane selezionate per merito in tema di efficienza energetica, sostenibilità ambientale, comfort e qualità costruttiva, sostenibilità economica e sociale. Sono stati annunciati a Riva Del Garda, nell'ambito della seconda edizione della convention nazionale sulla riqualificazione e gestione sostenibile dei patrimoni immobiliari i vincitori del Premio REbuild, il primo concorso in Europa per progetti di riqualificazione sostenibile.
Primo classificato è il progetto di Lombardini 22, secondo e terzo sono rispettivamente di Laboratorio di Architettura e Park Associati: GUARDA LA FOTOGALLERY
«Lead by example, i migliori progetti che fanno da esempio per il mercato: questo il senso del Premio REbuild 2013 - spiega Alberto Ballardini di Habitech, uno degli ideatori dell'iniziativa -.Il premio è stato concepito per dare visibilità a quelle realizzazioni che in una fase di contrazione degli investimenti e di disorientamento hanno dimostrato la capacità mantenere la rotta verso una realtà di mercato dove il lavori si sposteranno dai nuovi volumi alla riqualificazione degli esistenti».
Il premio è stato ideato da Habitech e Fraunhofer Institute per REbuild e intercetta i recenti sviluppi nel mercato della riqualificazione e la sensibilizzazione verso un consumo più consapevole delle risorse energetiche e del territorio. Un concorso per dimostrare come la riqualificazione sostenibile del patrimonio esistente rappresenti una risorsa immensa per l'ambiziosa sfida di riformare il mercato, limitare gli impatti e migliorare il paese. Secondo una ricerca di Think Project l'80% dei volumi che avremo nel 2050 sono già presenti oggi.

Il vincitore: Segreen Business Park progettato dalla società Lombardini22. Si tratta di un esempio di riqualificazione immobiliare improntata al futuro e alla sostenibilità, un edificio direzionale sviluppo di CBRE Global Investors. «Segreen Business Park è un'architettura per i knowlegde workers, concepita secondo i più elevati standard internazionali e frutto di un'analisi delle più avanzate modalità di lavoro contemporanee» spiegano i progettisti. Un complesso di tre edifici principali (per circa 30.000 mq di spazio per uffici) in dialogo tra loro con collegamenti trasparenti e permeabili che sta riscuotendo grande successo e che oggi accoglie aziende del calibro di Brother, Lenovo, Triumph, Covidien, Symantech. Completano il complesso una piazza pedonale vivibile 24 ore al giorno come luogo d'incontro, interazione, svago; un edificio «5 Star Services» dedicato alla ristorazione e ai servizi alle persone (2272 mq); una dotazione di parcheggi per 610 posti auto, 21 motocicli, 62 biciclette. Segreen Business Park ha ottenuto la Certificazione CENED e la Certificazione LEED.

Il premio REbuild ha voluto alzare l'asticella dei premi architettonici, allargando il campo di valutazione e introducendo un approccio euristico che, in presenza di elevati standard di qualità architettonica, sapesse valutare in sintesi e sincronicamente efficienza energetica, sostenibilità ambientale, comfort e qualità costruttiva, sostenibilità economica e sociale.
La griglia di valutazione è stata appositamente elaborata da Fraunhofer Italia con il supporto di Habitech per poter misurare i progetti di qualificazione e costituire un primo database di benchmark di progetti.

Secondo premio
al progetto carbon zero in un progetto di recupero dell'edilizia storica. Il progetto è di Laboratorio di Architettura Architetti Associati di Reggio Emilia. L'opera, denominata «Brennone21
» riprende il tipo edilizio a schiera a profondità elevata nel centro storico della città di Reggio Emilia, occupato da due unità abitative e due spazi destinati a terziario, è l'insieme di una serie d'interventi di recupero tipologico ed energetico che conducono l'edificio ad annullare l'immissione di gas serra in atmosfera.

Terzo premio
: ristrutturazione di un edificio per uffici «La Serenissima» a Milano in via Turati. Il progetto è di Park Associati
e l'edificio è conosciuto come «Palazzo Campari», progettato negli anni ‘60 da Ermenegildo e Eugenio Soncini. Il committente è Morgan Stanley Sgr spa. «Nel rispetto dell'impostazione originaria, la scelta progettuale è stata quella di lavorare sulla massima flessibilità nella suddivisione degli spazi interni con un'uniformità di lettura data anche dal sistema di illuminazione interna e da un'ottimizzazione dei sistemi degli accessi all'edificio e della distribuzione verticale» spiegano gli architetti. Con un arretramento complessivo delle facciate rispetto al perimetro originale, è stato possibile eliminare i cosiddetti ‘ponti termici'; traslando la superficie utile si consente la realizzazione di nuove aree al piano terreno, ora destinate a terziario, pur mantenendo intatta la corte a verde, cuore del progetto originario.

Premio REbuild ha ricevuto in meno di tre settimane oltre 75 contatti e 30 candidature. Verranno consegnate inoltre 5 menzioni speciali ad altrettanti progetti che hanno saputo eccellere in una delle dieci aree di valutazione. Le menzioni speciali vanno: Efficienza Energetica a Laboratorio Architettura, Sostenibilità e Ambiente a Agenzia CasaClima Srl, Comfort e qualità costruttiva a Park Associati Srl, Sostenibilità Economica a Lombardini22, Sostenibilità Sociale a C+D Architetti Associati.


© RIPRODUZIONE RISERVATA