Progettazione e Architettura

A Tamassociati il premio Giancarlo Ius per l'ospedale in Sudan

Va allo studio italiano di architettura Tamassociati, fresco vincitore del premio Aga Khan Award
for Architecture 2013 per la realizzazione del centro ospedaliero Salam (pace) a Khartoum (Sudan), la Medaglia d'oro Giancarlo Ius per la costruzione di un'altra struttura ospedaliera, sempre in Sudan. La Medaglia d'oro Giancarlo Ius, destinata all'opera di architettura
maggiormente innovativa e sostenibile sotto il profilo del risparmio energetico e dell'utilizzo delle energie rinnovabili, e' stata infatti conferita a Tamassociati per la progettazione e la costruzione del Paedriatic Centre di Port Sudan (Sudan), commissionato dalla ong Emergency.

Secondo la motivazione l'ospedale "prova a risolvere con ottimi risultati e una buona architettura, i temi principali delle sfide della contemporaneita'", ossia "come realizzare edifici ad alto
comfort - tanto piu' in un ospedale per bambini - con tecnologie semplici e non costose", in luoghi "dalle condizioni climatiche (e sociali) estreme", dove "l'energia e l'acqua sono beni preziosi".
L'ideazione e la costruzione di un presidio ospedaliero con queste caratteristiche rappresenta per tutta l'area sub-sahariana una sfida e una innovazione in piu' direzioni: tecnologie avanzatissime si affiancano al recupero di tecniche costruttive tradizionali, mentre impianti a bassissimo consumo s'intrecciano a sistemi di raffrescamento naturali, creando macchine termiche per ombreggiamento e ventilazione perfette, semplici ed efficaci. Al know-how italiano si
sono uniti i materiali locali, mentre la morfologia dell'edificio ha restituito, in grande scala, l'architettura domestica tipica della zona, arricchendola di un grande giardino irrigato dalle acque reflue.


© RIPRODUZIONE RISERVATA