Progettazione e Architettura

Tenhnoalpin a Bolzano: come un blocco di ghiaccio la sede dell'azienda che produce impianti di innevamento

Paola Pierotti

Come un'architettura che brilla come la neve per la sede dell'azienda che produce impianti di innevamento a Bolzano. Gli architetti Roland Baldi e Veneri-Willeit-Niederstätter architects vinto con questo progetto il premio «best architects 14 award» nell'edizione 2013

Come un blocco di ghiaccio che si è staccato dalla montagna ed è sceso a valle, un'architettura che brilla come la neve. Cosi gli architetti Roland Baldi e Veneri-Willeit-Niederstätter architects hanno immaginato la nuova sede logistica e amministrativa della ditta altoatesina Technoalpin.

L'azienda, produttrice d'impianti di innevamento a livello mondiale, ha deciso di aumentare l'efficienza e di migliorare la propria situazione logistica, che nella struttura precedente (suddivisa in cinque diversi stabilimenti) era diventata ormai insostenibile, e di razionalizzare tutti gli spazi in un'unica struttura nella zona industriale di Bolzano.

L'innovativo stabilimento di produzione, nonostante le sue grandi dimensioni, con una cubatura
complessiva di circa 140.000 mc e un'altezza dell'edificio di 20 metri, è stato edificato in pochissimo tempo (inizio progettazione gennaio 2009, inizio cantiere aprile 2009, ultimazione agosto 2010).

Il costo? Circa 14.800.000 euro, 820 euro/mq

Vedi la fotogallery dell'opera

Con questo edificio l'architetto altoatesino Roland Baldi ha vinto l'ottava edizione del premio «best architects 14 award». Il Best architects Award si rivolge a architetti e studi di architettura che risiedono nell'area di lingua tedesca (Germania, Austria, Svizzera, Lichtenstein, Lussemburgo e Alto Adige) ed è indetto dalla agenzia di comunicazione Zinnobergruen di Düsseldorf: obiettivo è la premiazione delle migliori realizzazioni nel campo dell'architettura e dla presentazione ad un più largo pubblico possibile.

La sede di Technoalpin e altri due progetti firmati da Roland Baldi sono anche tra le 28 opere segnalate dalla Fondazione Architettura come migliori realizzazioni in Alto Adige, negli ultimi cinque anni.

I dettagli del progetto. L'involucro è stato studiato in modo tale che già dall'esterno l'edificio riesca a comunicare ciò che succede all'interno: produzione, stoccaggio e fornitura di impianti di innevamento. Gli elementi della facciata in vetro profilato traslucente diffondono all'interno una luce pacata e piacevole.
La distribuzione degli spazi segue il ciclo di lavorazione: funzionale e semplice. Al piano terra si trova l'ampia zona di montaggio, al livello superiore i generatori sono esposti in fila, pronti per essere caricati dai camion, che hanno accesso da un'ampia rampa ben visibile. Nella zona amministrativa all'ultimo piano le strutture e i materiali ben definiti creano un'atmosfera aperta e confortevole. Spazi verdi e giardini Zen, raggiungibili direttamente dagli uffici, invitano a rilassarsi e a riflettere.

Gli spazi riscaldati sono costruiti con lo standard B di Casaclima.

I materiali e le tecnologie. L'intera struttura portante dell'edificio è stata realizzata in cemento armato, mentre le facciate sono uniformemente rivestite con delle lastre traslucenti in vetro profilato bianco che permettono l'illuminazione naturale delle sale di produzione e dei magazzini. Le lastre di vetro profilato alte quasi sei metri diffondono la luce in modo tale da illuminare gli spazi interiori con una luce omogenea e diffusa, ideale per i processi lavorativi, che sembra di giungere all'interno come attraverso una leggera coltre di neve. Nei riparti produttivi le pareti interiori e i solai si presentano in calcestruzzo, mentre nella zona amministrativa prevale il bianco delle pareti, la trasparenza delle vetrate e degli elementi separatori e il nero dei pavimenti realizzati in asfalto colato.

Nella parte sud il volume monolitico è strutturato dall'intaglio creato dalla rampa che da accesso al livello superiore. Per soddisfare le esigenze derivanti dai processi produttivi e logistici i vani hanno una luce di sei metri. La copertura dell'edificio è realizzata come tetto piano a inverdimento estensivo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA