Progettazione e Architettura

Al via Premio REbuild 2013, call per progetti-modello di riqualificazione

Paola Pierotti

Al via la prima edizione del «Premio REbuild». Un premio che permetterà di costruire un atlante delle buone pratiche, utile per tutti gli operatori del mondo immobiliare, tecnici e politici delle PA, progettisti e costruttori

Al via la prima edizione del «Premio REbuild», un riconoscimento promosso da Progetto Manifattura, Habitech e Riva Fiere e Congressi per valorizzare i migliori interventi di riqualificazione in chiave di qualità e sostenibilità ambientale ed energetica realizzati e monitorati da imprese, professionisti e enti pubblici. Un premio che permetterà di costruire un atlante delle buone pratiche, utile per tutti gli operatori del mondo immobiliare, tecnici e politici delle PA, progettisti e costruttori.

Termine per la candidatura: 10 novembre 2013.

L'obiettivo.
«Così come avviene per la realizzazione di nuovi edifici, a maggior ragione per gli interventi di riqualificazione, è possibile identificare che l'eccellenza di risultato della soluzione adottata sia insita nel miglior equilibrio dell'intervento, frutto di un attento studio delle condizioni dell'edificio. Sulla base di questa considerazione, questa prima edizione del Premio REbuild - raccontano gli organizzatori - intende premiare gli interventi che hanno saputo portare a termine una riqualificazione attraverso un approccio euristico, consapevole e quantificabile. Il tutto ponderato da una griglia di valutazione, appositamente elaborata da Fraunhofer Italia con il supporto di Habitech, articolata sulle seguenti aree: efficienza energetica, sostenibilità ambientale, comfort e qualità costruttiva, sostenibilità economica e sostenibilità sociale».

Il premio. I vincitori saranno premiati a Riva del Garda in occasione di REbuild2013, il 26 novembre, davanti alla community degli operatori del real estate, professionisti, imprese di costruzione, fondi d'investimento e rappresentanti della pubblica amministrazione.

Criteri di valutazione. Le candidature saranno valutate attraverso 10 contest specifici all'interno di 5 aree tematiche principali: ogni contest prevede l'assegnazione di un punteggio calcolato sulla base di prestazioni misurabili o misurate degli interventi. Il punteggio massimo ottenibile è pari a 100, opportunamente pesato tra le diverse aree tematiche: efficienza energetica al 30% del punteggio massimo; sostenibilità ambientale al 10% del punteggio massimo; comfort e qualità costruttiva al 40% del punteggio massimo; sostenibilità economica al 10% del punteggio massimo; sostenibilità sociale al 10% del punteggio massimo.

Il Premio presterà quindi attenzione all'investimento, alla qualità architettonica, all'efficienza dei sistemi di involucro e impiantistici, alla durata dei lavpri e all'impatto sulla fruibilità dell'edificio.

«Per la Qualità architettonica - si legge nel bando - ci si rivolgerà ad una giuria esterna di esperti che esprimerà il proprio giudizio insindacabile valutando il rispetto dei caratteri morfologici dell'edificio inserito nel suo contesto, il livello di flessibilità, fruibilità, accessibilità e qualità degli spazi».

Condizioni per partecipare. Attraverso l'Application Form scaricabile dal sito www.rebuilditalia.it


© RIPRODUZIONE RISERVATA