Progettazione e Architettura

Ponte Lambro, al via i lavori per il ponte firmato Renzo Piano

Massimiliano Carbonaro

Dopo 13 anni di attesa parte il montaggio della struttura che collegherà il quartiere della periferia sud est al resto della città

Ci sono voluti 13 anni ma alla fine il Contratto di Quartiere di Ponte Lambro a Milano avrà il suo ponte progettato da Renzo Piano. Sono cominciati infatti nei giorni scorsi i lavori di montaggio dello scheletro metallico.
Un ponte come simbolo di un territorio e per interrompere il suo isolamento, è questa la valenza della struttura in corso di realizzazione. Il quartiere di Ponte Lambro è una zona periferica del capoluogo meneghino situata a Sud-Est della città e di fatto separata dal resto della città perché attraversata dal tracciato della tangenziale Est e dal corso del fiume Lambro. Per riqualificare questo ambito in cui nel tempo sono state realizzati una serie di complessi residenziali legati all'Aler è partito il contratto di quartiere.

Il ponte firmato Piano collegherà due stecche residenziali di via Ucelli di Nemi (con all'interno alloggi di edilizia residenziale pubblica e una serie di servizi sociali) ed è al centro di un progetto pilota chiamato Laboratorio di Ponte Lambro lanciato nel 2000 e che oltre all'infrastruttura di collegamento prevede la realizzazione di una serie di spazi per servizi. «Abbiamo raggiunto un obiettivo sofferto e atteso da tempo – hanno dichiarato gli assessori comunali Daniela Benelli (Casa e Demanio) e Carmela Rozza (Lavori pubblici) – La posa del ponte è un traguardo importante che arriva a 13 anni dalla sua progettazione e simboleggia l'obiettivo sociale che ci stiamo ponendo in questa zona di migliorare la qualità dell'abitare sociale e aprire e collegare la periferia alla città».

I lavori, dopo numerosi stop and go, sono ripartiti nel novembre del 2011 e la struttura per cui adesso è stato montato lo scheletro metallico verrà conclusa per la primavera del 2014. In contemporanea procedono anche le opere per il rinforzo strutturale e di copertura degli edifici connessi al ponte con il completamento delle finiture sulle facciate esterne. Il laboratorio era partito come progetto nel 2000 ma più volte è stato interrotto fin quando nel 2005 è stato inserito all'interno del Contratto di quartiere rilanciando la sua fattibilità. Così la posa del ponte firmato da Piano è solo uno degli elementi dell'intero programma di riqualificazione della zona che prevede anche il recupero di alcuni stabili e la costruzione di un nuovo fabbricato, lavori in parte già realizzati e in parte ancora da affrontare per oltre 30 milioni di euro (cifre da attualizzare perché relative al 2005). L'anno passato il quartiere Ponte Lambro è stato anche interessato da un altro importante intervento, la demolizione del cosiddetto ecomostro, l'ex albergo costruito per i Mondiali del '90 ma mai completato. L'abbattimento ha permesso di restituire al quartiere uno spazio verde per molto tempo deturpato. I contratti di quartiere su Milano sono 5 (oltre a Ponte Lambro ci sono Gratosoglio, Mazzini, Molise Calvairate e San Siro) e complessivamente prevedono un cofinanziamento tra risorse statali, comunali e regionali per 240 milioni di euro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA