Progettazione e Architettura

Bologna cerca soluzioni per riqualificare un pezzo di città e costruire una scuola di infanzia

Paola Pierotti

La Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, in collaborazione con il Comune di Bologna, ha dato il via alla terza edizione del Progetto Strategico «Bella Fuori» promuovendo un concorso di progettazione in due fasi che riguarda interventi di urbanistica partecipata in un quartiere bolognese.

La terza edizione dl'iniziativa invita i progettisti a confrontarsi con una nuova sfida,
in linea con i richiami alla riduzione della spesa, all'approccio smart della città intelligente
e al concetto di eco-design e si concentra su una precisa zona del territorio
comunale: un'area verde inutilizzata alla Croce del Biacco, nel quartiere di San Vitale,
dove è prevista anche la realizzazione di una nuova scuola dell'infanzia.

Alla base del progetto promosso dalla Fondazione con il Comune vi è l'idea che il centro storico della città, pur restando il principale luogo di riferimento, debba collegarsi in un'ideale rete di differenti luoghi, che siano altrettanti centri di riferimento della cittadinanza.

Con le precedenti edizioni, il progetto ha permesso di dotare la città di Bologna di due nuove centralità: la nuova Gorki a Corticella e la piazza Spadolini/il Giardino Bentivogli a San Donato.

«Una commissione esaminatrice guidata da Mario Cucinella selezionerà entro l'estate tre studi qualificati - spiegano i promotori - che saranno chiamati a redigere, mediante momenti di confronto con la cittadinanza, altrettanti progetti preliminari per un intervento "a costo contenuto" ma ad alta qualità ambientale e sociale che riqualificherà lo spazio pubblico aperto e il sistema degli accessi, delle connessioni e dei collegamenti ciclo-pedonali».

Per favorire la partecipazione dei giovani, tra i tre studi ne verrà scelto uno under40.

Il progetto preliminare vincitore sarà posto a base delle successive attività progettuali.

L'area di intervento. La zona oggetto dell'intervento si trova alla Croce del Biacco, nel quartiere San Vitale, ed è stata acquisita dal Comune di Bologna alcuni anni fa; si tratta di uno spazio della superficie di circa 9.500 mq non edificato, incolto, racchiuso tra una zona residenziale, un centro
sportivo, la scuola elementare Livio Tempesta, una palestra e il centro sociale culturale
Croce del Biacco.

L'importo dell'opera è di 500mila euro.

L'approccio partecipativo. Ogni intervento di riqualificazione presuppone e implica responsabilità sociale: la Fondazione e il Comune garantiscono la realizzazione dell'intervento, i cittadini sono chiamati attraverso il processo partecipativo a diventare i soggetti sociali che si prendono cura dello spazio pubblico e ai quali ne è affidata la custodia. «Senza responsabilità sociale non si interviene né si costruisce nulla che duri nel tempo» aggiungono dalla Fondazione.

Scarica qui il bando .

Per i dettagli consultare il sito dell'Urban Center e della Fondazione del Monte


© RIPRODUZIONE RISERVATA