Progettazione e Architettura

Le Camere di Commercio finanziano case in classe A e progetti di recupero

Paola Pierotti

Ai blocchi di partenza la nuova edizione del Progetto Eco_Luoghi 2013 che lo scorso anno ha visto la realizzazione di alcune case ecologiche monofamiliari, progettate da architetti italiani e realizzate da una o più imprese italiane. Un progetto innovativo, promosso dall'Associazione Mecenate 90, che punta sulla sperimentazione e premia i progetti migliori con il cantiere.

Per il 2013 il Progetto prevede due bandi. Il primo, che replica l'esperienza precedente richiede di progettare, e poi eventualmente realizzare, con il contributo di una o più imprese italiane, un modello di casa ecologica monofamilare da 45 mq di superficie utile. «La costruzione dovrà rispettare i parametri di sostenibilità in classe energetica A, ma dovrà anche esprimere specifici criteri di sensibilità paesaggistica relativi al contesto scelto dall'autore/dagli autori» come si legge nel bando.

Il secondo bando affronta invece il tema del riuso e chiede di «predisporre progetti nell'ambito della riqualificazione architettonica e funzionale di spazi urbani e di recupero di aree industriali e territoriali dismesse, abbandonate e comunque da riconvertire o riqualificare. I progetti – si legge sempre nel bando - dovranno prevedere il ricorso alle tecnologie della sostenibilità e del risparmio energetico e contribuire alla riduzione del consumo di suolo. I progetti dovranno inoltre tenere conto delle valenze e delle caratteristiche dell'ambiente territoriale e paesaggistico a cui sono riferiti»

Per entrambi si prevede un diverso modello di accesso ai bandi per ingegneri e architetti senior e junior. I progetti premiati, per ciascun bando, sono 10 (5 per i senior e 5 per i junior). Ogni premio è di 5.000 euro. Sia i 10 progetti vincitori del primo bando che i 10 vincitori del secondo saranno oggetto di una mostra da allestire a Roma (secondo le modalità della prima edizione).

Partner per questa edizione sono Unioncamere e i due Ordini Nazionali Professionali (Ingegneri e Architetti) e si prevede il patrocinio del Ministero dell'Ambiente.

I risultati della precedente edizione. «Nel 2012 sono stati coinvolti circa centro professionisti e 70 imprese per la realizzazione dei dieci prototipi. Una casa premiata – racconta Ledo Prato, segretario generale di Mecenate90 - è stata acquistata dal Maxxi ed è ora destinata all'area didattica per bambini. Cinque case sono state vendute e, in 3 casi, in un numero superiore a 10 esemplari. Alcuni architetti vincitori (e relative aziende) sono stati coinvolti in un progetto di collaborazione sull'edilizia sostenibile fra Italia e Brasile. Ancora, hanno trovato mercato almeno 3 degli architetti junior».

In mostra al Maxxi i modelli di successo

Una casa donata a Finale Emilia e una al Maxxi

Risultati positivi per un progetto che nella seconda edizione vede il coinvolgimento oltre a Unioncamere anche delle Camere di Commercio di Torino, Genova, Roma, Unioncamere Lazio, Napoli, Perugia. «Ci aspettiamo di poter avere presto adesioni da altre camere di commercio territoriali – concludono da Mecenate 90 - in moto tale da riuscire a pubblicare i bandi entro luglio».


© RIPRODUZIONE RISERVATA