Progettazione e Architettura

Svelato il progetto definitivo della sede romana di BNP Paribas firmata 5+1AA. L'opera sarà pronta tra 30 mesi

Paola Pierotti

Un edificio lungo 232 metri e alto più di 50 a ridosso della stazione AV Roma Tiburtina. La nuova sede BNP Paribas ospiterà circa 6000 lavoratori in un maxi-edificio di 40mila mq di superficie

Tra qualche settimana arriverà il permesso di costuire ed entro l'estate dovrebbe partire il cantiere della nuova sede Bnp Paribas di Roma firmata dai genovesi 5+1AA a ridosso della nuova stazione di Roma Tiburtina.

Sono state svelate le nuove immagini del progetto elaborato in un anno e mezzo di intenso lavoro e di dialogo tra progettisti e committenza. BNP Paribas Real Estate ha completato ora il processo di acquisizione dell'area di Roma Tiburtina da RFI (Gruppo Ferrovie dello Stato) dando seguito al contratto preliminare stipulato nel mese di settembre 2012.

«Si tratta di un edificio lungo 232 metri che raggiungerà un'altezza massima superiore ai 50 metri. Abbiamo cercato una soluzione compositiva per rispondere ai vincoli dell'urbanistica - spiega Alfonso Femìa, partner dello studio 5+1AA - e ne è risultato un edificio unitario che potrà essere percepito come una sequenza di due se si guarda dai binari, o di tre se si vedrà da altri punti di vista». La nuova sede BNP Paribas ospiterà circa 3000 lavoratori in un maxi-edificio di 40mila mq di superficie.

Vedi la fotogallery con le immagini del progetto

Un'architettura «di concezione europea» commenta Femìa per il fatto che «un'importante azienda ha deciso di costruire la propria sede a ridosso di un nodo della mobilità, prevedendo che si usi per il 90% il trasporto pubblico».

Le intenzioni progettuali prevedono si potrà risontrare una ricaduta positiva sulla stazione Tiburtina, migliorandone la vitalità, e sull'intera area in via di trasformazione.

«Come già sperimentato in altri nostri progetti - aggiunge l'architetto dello studio genovese - per le facciate abbiamo riproposto l'approccio del 'Giano bifronte': verso la ferrovia la facciata sarà dinamica per riproporre un'idea di spazio in movimento - come quello che si può avere quando ci si sposta su un treno -. Nella parte retrostante la grande trasparenza lascerà il posto ad una superficie diamantata in ceramica».

Verso i binari quindi la facciata si piegherà e si mostrerà come una successione di «diamanti» sia per poter offrire una percezione dinamica a chi vedrà l'edificio dalla grande hall della stazione e dai binari, ma anche per migliorare gli effetti dell'esposizione solare.

La nuova stazione sarà ultimata entro la fine del 2015.

BNP Paribas Corporate and Investment Banking ha curato la struttura finanziaria dell'operazione che comporterà un fabbisogno finanziario di circa 250 milioni di euro.

«La proficua collaborazione tra BNP Paribas, Ferrovie dello Stato Italiane, Roma Capitale Assessorati e Uffici Tecnici Lavori Pubblici e Urbanistica, Municipio V, Ministero dei Beni Culturali Direzione Regionale Lazio e Soprintendenza ai Beni Archeologici, ha permesso di definire i complessi aspetti urbanistici ed edilizi legati alla riqualificazione e completamento del comparto della Stazione Tiburtina - ha dichiarato Cesare Ferrero, country manager Italia di BNP Paribas Real Estate. – Contiamo di avviare quanto prima i lavori di costruzione della nuova sede di BNL per completare i lavori di realizzazione dell'immobile in circa 30 mesi».

Il primo concept della sede BNP Paribas


© RIPRODUZIONE RISERVATA