Progettazione e Architettura

Premio Federico Maggia 2013, selezionati i 10 gruppi vincitori

Sono stati scelti i dieci gruppi di progettisti under 3Premio Federico Maggia 2013, selezionati i 10 gruppi vincitori selezionati tra i 271 partecipanti provenienti da tutta Italia per la seconda fase della V edizione del premio biennale intitolato alla memoria dell'ingegnere architetto biellese Federico Maggia () (che quest'anno coincide con il decennale della sua scomparsa).

La prossima estate i giovani progettisti elaboreranno il loro progetto negli spazi del Lanificio Maurizio Sella a Biella Biella.

I giovani progettisti selezionati sono: Giovanni Benedetti, Paolo Didoné, écru architetti (Simona Bertoletti / Filippo Cavalli / Antonio Sportillo), Francesco Garofoli / Vincenzo Salierno / Francesco Vurchio, Sofia Miccichè / Federico Tria, Orizzontale urban (re)act (Jacopo Ammendola / Nasrin Mohiti Asli / Stefano Ragazzo), Enrico Pistocchi / Davide Raffaelli, Valentina Satti, StudioErrante Architetture (Sarah Becchio) e Weekend In A Morning.

L'edizione del premio di quest'anno è incentrata sul riuso del patrimonio industriale dismesso. Il premio è bandito dalla Fondazione Sella Onlus che ne ha rinnovato la formula, i contenuti e la veste grafica. In questo modo la Fondazione manifesta e rinnova il suo interesse alla promozione e valorizzazione del territorio biellese, ricco di aree ex industriali, e dei giovani progettisti di talento. Portando avanti anche la volontà di Federico Maggia che, dopo avere donato alla Fondazione il suo archivio professionale, ha dato vita al premio nel 1998 per contribuire in modo tangibile all'avvio della carriera professionale di giovani progettisti.

«Esprimiamo la nostra soddisfazione per l'ampio numero di candidature pervenute e per la qualità degli elaborati - ha detto il presidente di Fondazione Sella Onlus Lodovico Sella -. "Industrie dismesse-Giovani progettisti fabbricano idee" ha fatto centro richiamando l'attenzione di numerosi giovani che hanno ritenuto questo tema e il modo in cui si intende affrontarlo di grande interesse. Siamo lieti che alla nostra chiamata abbiano risposto con entusiasmo giovani progettisti da tutta Italia».


© RIPRODUZIONE RISERVATA