Progettazione e Architettura

Scongiurato il rischio stop per la Nuvola: Alemanno sblocca la variante per i parcheggi

Paola Pierotti

Dopo la denuncia di Fuksas arriva la delibera del Campidoglio con le deroghe ad hoc per il maxi-cantiere

Scongiurato il rischio stop lavori annunciato da Fuksas per la sua Nuvola all'Eur. Dopo due anni di attesa il Campidoglio ha approvato infatti la delibera con la quale si approvano alcune deroghe al regolamento edilizio e al Prg di Roma funzionali alla realizzazione del nuovo centro congressi dell'Eur progettato da Doriana e Massimiliano Fuksas (clicca qui per la fotogallery del cantiere ).

La delibera 145/2011 prevede delle deroghe per piccoli aggiustamenti interni (per esempio le altezze di solai, la suddivisione e compartimentazione delle sale congressuali) ma soprattutto prevede la modifica della convenzione stipulata con Eur spa per la concessione delle aree di proprietà del Comune per la realizzazione di parcheggi in piazza della Civiltà Romana e in piazza Don Luigi Sturzo oltre alla realizzazione di verde pubblico in via Stendhal.

La delibera era un passaggio fondamentale per proseguire i lavori, già in forte ritardo sulla tabella di marcia. In occasione della pre-apertura della fabbrica dell'Eur per ospitare un evento Htc (clicca qui ), Fuksas, assente, aveva attaccato la lenta burocrazia della giunta Alemanno denunciando l'attesa di una delibera del 2011 ceh avrebbe messo a rischio la prosecuzione dei lavori se non fosse arrivato l'ok entro metà marzo.

Con questo ulteriore passaggio burocratico potrà proseguire il cantiere romano che in questi giorni è stato presentato anche a Milano nella sede del Sole 24 Ore attraverso la presentazione del docu-film La Nuvola prodotto dalla figlia dell'archistar Elisa Fuksas.

Se tutto filerà liscio l'Eur indica come data per l'inaugurazione il 2014. L'importo dei lavori, dopo nove varianti, è di 275 milioni di euro. E secondo indiscrezioni al momento ne mancano 70.


© RIPRODUZIONE RISERVATA