Progettazione e Architettura

Pronto il progetto Onna Infobox, un luogo della memoria per raccontare il paese prima e dopo il terremoto

Monica Zerboni

Nel quarto anniversario del terremoto dell'Aquila è stato inaugurato lo scorso 6 aprile a Onna, frazione dell'Aquila, il progetto «Onna Info-box». Il piccolo padiglione, realizzato sotto il patrocinio dell'Ambasciata Tedesca, nasce come luogo della memoria, ma anche dell'incontro e della storia del paese e di come esso potrà tornare ad essere.

L'Info-box è una struttura leggera ed ecocompatibile che ospita sofisticate attrezzature multimediali ricche di informazioni. Esso offre una documentazione facilmente consultabile attraverso una grande parete interattiva e un tavolo touch.

Il progetto è stato ideato e curato da Wittfrida Mitterer, docente dell'Università di Innsbruck.
La parete interattiva consente di visionare filmati, fotografie, documenti e testimonianze dirette dei cittadini di Onna. Il tavolo virtuale, costruito da Consulting System, permette una rapida consultazione del masterplan, il piano finanziato dal governo tedesco con il contributo di architetti e tecnici europei.

Condiviso in ogni sua fase dalle famiglie interessate, il masterplan prevede la ricostruzione del paese. Esso sorgerà sull'impianto del vecchio centro storico secondo i più moderni criteri di sicurezza antisismica e di bioarchitettura, pur rispettando le linee architettoniche e urbanistiche originali. Attraverso il tavolo virtuale sarà possibile una lettura costante dei singoli interventi esecutivi in fase di realizzazione.

Il progetto è stato ideato e realizzato dal MICC, il Media Integration e Communication Center dell'Università di Firenze diretto dal professor Alberto Del Bimbo. Un importante contributo è stato inoltre offerto dalla Rai che ha fornito materiali audiovisivi recenti e di archivio girati dalle troupes a Onna in questi anni. Tale contributo ha consentito la nascita di due documentari, realizzati in tre anni di lavoro e di presenza sul territorio dal gruppo di lavoro di Rai Tre nell'ambito di "Progetto Onna".


© RIPRODUZIONE RISERVATA