Progettazione e Architettura

Addio a Paolo Soleri fondatore di Arcosanti: la «città perfetta»

È morto ieri a 93 anni, Paolo Soleri, l'architetto, scrittore e urbanista italiano che nel 1970
nel deserto dell'Arizona, ha realizzato Arcosanti: la «città esperimento» che si colloca lungo l'autostrada che collega Phoenix al Grand Canyon. Soleri ha trascorso tutta la vita per indagare come l'architettura, in particolare quella delle città, possa sostenere le innumerevoli aspirazioni umane. Con il laboratorio urbano Arcosanti, Soleri ha realizzato il suo prototipo di «arcologia», un modello di città che coniuga architettura ed ecologia attraverso un processo ciclico di miniaturizzazione, complessità, durata.

La disciplina, elaborata da Soleri a partire dagli anni '50, elabora un modello di habitat tridimensionale che concentra le funzioni dell'abitare evitando la proliferazione di periferie e lasciando al verde la maggiore estensione del territorio. Ad oggi più di 7.000 studenti hanno partecipato alla costruzione di Arcosanti e piu' di 50.000 appassionati di architettura visitano il sito ogni anno. «La ricchezza consiste non nell'avere di più, ma nell'aver bisogno di meno» spiegava Soleri in un'intervista rilasciata all'Adnkronos nel 2010. Per questo, «dobbiamo creare ciò di cui la società ha bisogno, non quello di cui l'individuo crede di avere necessità».

Con Arcosanti, dunque, l'obiettivo era di concretizzare un laboratorio urbano per una nuova città contro l'etica edonistica, nella quale la felicità è il consumo. Un messaggio importante ma di certo in controtendenza rispetto alle città di oggi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA