Progettazione e Architettura

Premio Domus ad Andrea Bruno e Tadao Ando Architect

P.C.

Assegnato a Ferrara nell'ambito del Salone del Restauro il Premio Domus Restauro e Conservazione. Nato dalla volontà di far conoscere l'opera di progettisti e imprese specializzate, che abbiano saputo interpretare in modo consapevole i principi conservatori nei quali la comunità scientifica si riconosce, in questa terza edizione si sono registrati quasi 200 concorrenti tra le opere realizzate.

La giuria ha premiato con la medaglia d'oro due casi di restauri ad alta complessità, nei quali l'attenzione conservativa si è coniugata ad una rilevante qualità architettonica e figurale. A pari merito hanno vinto il premio l'intervento di restauro dell'architetto Andrea Bruno sulla Cattedrale di Bagrati, in Georgia (imprese esecutrici: Ltd. Restavratorebi & Co.; Ltd. Magi Style) e il restauro di Punta della Dogana a Venezia, firmato dallo studio Tadao Ando Architect & Associates.

Le medaglie d'argento hanno premiato tre casi diversi fra loro, ma tutti connotati da pari rigore metodologico: un ottimo esempio di "restauro del nuovo", uno di moderna sistemazione liturgica di una cattedrale storica, infine un esempio di messa in sicurezza strutturale e di scavo archeologico sfociata in una suggestiva sistemazione museale.

"Le quattro menzioni - spiegano dall'azienda Fassa Bortolo, promotrice del premio - segnalano casi di restauro aperti su nuovi e significativi fronti della tutela, con attenzione ai valori partecipativi, sociali e comunitari, ai temi della manutenzione conservativa e del "restauro timido", a quelli, infine, della vigilanza costante, esercitata, per così dire, "dal basso" sul patrimonio ancora privo di un'adeguata moderna utilizzazione".


© RIPRODUZIONE RISERVATA