Progettazione e Architettura

Città «abitabile», la sfida per gli architetti under 40: Europan 12 al via, in pista anche Milano e Venezia

Paola Pierotti

Si apre il 18 marzo la nuova edizione della gara internazionale di architettura: oltre 50 comuni hanno candidato siti per la sessione 2013

In un periodo di crisi nera per i concorsi di architettura e per l'assenza di occasioni riservate ai giovani arriva un appello riservato ai progettisti europei under 40. Si tratta della dodicesima edizione del concorso Europan che viene ufficializzata il 18 marzo e che per l'Italia candida due città: Milano e Venezia.
Milano cerca idee per il sito «Porto di Mare», un'area di completamento di una parte periferica della città e porta di accesso verso un sistema di recupero ambientale e naturale ricco anche della presenza di elementi storici come le tipiche Cascine lombarde e l'Abbazia di Chiaravalle. Venezia è protagonista della competizione internazionale con l'ambito della stazione di Venezia-Mestre.
L'Italia candida quindi due aree in cui le amministrazioni ipotizzano il riordino e la riqualificazione di vaste aree da inventare con nuovi usi, appetibili per i cittadini e il mercato. Non si tratta di concorsi per edifici, ma per aree urbane: in campo la nuova urbanistica e l'opportunità di utilizzare al meglio lo strumento del masterplan. Ai progettisti si chiede di progettare una «città abitabile». E ancora, la novità della dodicesima edizione è che il concorso si svolgerà interamente on line.

Il concorso Europan, che ha cadenza biennale, è un'opportunità per i progettisti più giovani, ma anche per le città che partecipando a questa kermesse potranno contare su un'ampia selezione di proposte. Europan è un'iniziativa riconosciuta a scala internazionale che mette a confronto idee da parte di professionisti pronti a sperimentare soluzioni innovative e fuori dagli schemi.
Sono più di 50 le città europee candidate per l'edizione 2013, tra le altre anche Budapest e Marsiglia, Monaco di Baviera e Vienna.

Il tema di questa sessione è «La città abitabile, inserire i ritmi urbani».

«Attraverso il concorso e le iniziative connesse – spiega Marilia Vesco, Segreteria Europan Italia – Europan cerca di offrire un contributo alla riflessione e al dibattito sulle città europee, rappresentando una piattaforma di scambio sia per i progettisti che per le città, con l'obiettivo di finalizzare i progetti alla loro possibile realizzazione».

I siti e i temi.
Generalmente ogni Paese candida da 2 a 4 siti, eccetto la Germania e la Francia che hanno proposto rispettivamente 10 e 7 siti.

In questa edizione le aree sono state classificate secondo sei categorie: ci si occupa della rivitalizzazione di spazi pubblici poco attraenti; del patrimonio per il futuro; dei progetti caratterizzati da una moltitudine di componenti più piccoli, si passa da aree monofunzionali ad un mix di funzioni e usi. Ancora, un altro gruppo di progetti riguarda l'integrazione tra sviluppo urbano e ambiente naturale; ci si interessa di cosa può accadere nelle fasi intermedie di un processo, integrando creativamente l'incertezza, la mancanza di finanziamenti, il ruolo sconosciuto della competitività futura del sito.

Un ultimo gruppo di progetti è accomunato ancora dal filo rosso dei collegamenti, siano infrastrutture di trasporto o reti di relazioni.


L'Italia
. Se nelle prime edizioni di Europan l'Italia è stata protagonista con numerosi siti (in alcuni dei quali le opere sono anche passati dalla carta al cantiere), nella decima edizione il nostro Paese si è presentato con un solo sito: Genova (il cui progetto è congelato) e nell'undicesima nessuna città ha scelto di affidarsi a questa competizione. Quest'anno due assessori, Ada Lucia De Cesaris per il Comune di Milano e Ezio Micelli per il Comune di Venezia hanno individuato due aree e le hanno candidate nel pacchetto-Europan.

Il calendario prevede per il 18 marzo l'apertura delle iscrizioni attraverso il sito Internet europeo e i siti nazionali con la pubblicazione del tema, del regolamento, delle schede delle strutture nazionali e della presentazione sintetica dei siti proposti nella sessione.

La scadenza delle iscrizioni insieme alla consegna delle proposte, che da questa edizione avverrà esclusivamente on line, è prevista il 28 giugno 2013.
Info: www.europan-europe.eu ; www.europan-italia.org .


© RIPRODUZIONE RISERVATA