Progettazione e Architettura

Milano, Confcooperative e Generali a caccia di idee under36 per un'area ex industriale

Paola Pierotti

Riuso e social housing, sono i due temi che qualificano la terza edizione del concorso riservato agli under35 «AAA architetticercasi» promosso da Confcooperative Federabitazione Lombardia con Legacoop Abitanti e Generali Immobiliare sgr.

Oggetto del concorso è l'area di via Pestagalli 45 a Milano, proprietà di Generali Immobiliare - Fondo Cimarosa e come base di gara c'è un masterplan firmato dagli architetti di Mab Arquitectura. «La novità di questa terza edizione - spiega il promotore dell'iniziativa Alessandro Maggioni, presidente Federabitazione - è la partnership con Generali che ha messo a disposizione un'area a Rogoredo (poco lontano dal quartiere di Santa Giulia) dove c'è già una convenzione firmata e in cui si prevede il cambio da area industriale dismessa (già bonificata) a nuovo quartiere con commerciale e direzionale».

Ai progettisti si chiede un progetto di architettura che sia particolarmente attento agli spazi di relazione, ad esempio tra l'abitato e i negozi, ma anche ai possibili usi delle strutture terziarie. Come si legge nel bando si chiede «un progetto preliminare e strategico. multidisciplinare e complesso»: oltre alla riqualificazione urbana dell'area si chiede un concept volumetrico per un edificio multifunzionale e lo sviluppo del tema tipologico-funzionale residenza/lavoro. «Fatte salve le invarianti di Generali - come ideatori del concorso - abbiamo chiesto un impegno anche sul tema del social housing».

I premi? Se nella prima edizione era stato messo a disposizione un premio di 5mila euro e nella seconda al team vincitore si era affidato l'incarico da parte di Euromilano, in questa terza («in tempi di crisi») è previsto un rimborso minimo in denaro ma l'incentivo è, «per i primi tre team classificati - racconta Maggioni - la possibilità di usare uno spazio di 100mq di Generali per attività di co-working (zero affitto e zero spese di gestione). Ancora, Generali si impegna a inserire i primi tre in graduatoria nel proprio albo fornitori, e Confocooperative si impegna a promuovere i primi dieci gruppi in classifica». Non un incarico immediato e pronto ma un'opportunità per farsi conoscere sul mercato.

Il 10 aprile è prevista la visita dell'area e il 3 giugno la consegna degli elaborati. I risultati saranno diffusi entro l'11 luglio. I partecipanti devono presentare cinque tavole UNI A3 (quadro strategico, progetto degli spazi aperti, piano dei servizi collaborativi, concept architettonico di un lotto e concept tipologico-funzionale della residenza lavoro), una scheda della proposta con immagini e testo e un video.

In giuria: Ennio Brion, Alessandro Maggioni, Stefano Mirti, Stefano Tropea, Giovanni Maria Paviera, Giuseppina Sordi e un giurato internazionale. Ma le proposte progettuali saranno preliminarmente sottoposte alal valutazione di una commissione tecnica (già identificata).


© RIPRODUZIONE RISERVATA