archistar

Eisenman debutta in Italia, in cantiere le Residenze Carlo Erba a Milano

Accedi a My

approfondimenti

foto

A Milano, nell'area di Città Studi sono partiti i lavori per la costruzione di un nuovo complesso residenziale firmato da Peter Eisenman. Sarà la prima opera italiana realizzata, firmata dalla star americana, insieme a Degli Esposti Architetti e Guido Zuliani.

L'edificio sostituirà la sede della Zurich Assicurazioni, occupando un intero isolato di forma triangolare sul lato Nord della Piazza Carlo Erba. Il progetto mantiere l'edificio storico dell'inizio Novecento che prospetta sulla piazza (ex edificio Rinascente) e sostituisce con un nuovo volume alto 9 piani il resto dell'immobile.

Distribuzione. Previsto un mix di bilocali, trilocali e plurilocali, dotati di logge e balconi con affaccio sul giardino condominiale e di grandi terrazze ai piani alti. Le residenze dei piani sette, otto e nove sono concepite come ville urbane indipendenti con il proprio giardino pensile dotato di serre e la possibilità di costruire anche alloggi su più livelli.

Materiali. Materiali pregiati verranno usati in tutto l'edificio. L'esterno sarà rivestito con lastre di pietre (travertino e marmo) e all'interno saranno usate pietre naturali per i pavimenti e i rivestimenti, parquet pregiati e tecnologie avanzate. Resta che la flessibilità nella scelta e personalizzazione delle finiture è uno degli obiettivi della progettazione.

Luce. Nel progetto grande importanza è stata data alla luce naturale, garantita grazie alle ampie vetrate, sia negli spazi comuni che nelle unità abitative. A integrazione è previsto un complesso progetto illuminotecnico sia nel rispetto dei requisiti illuminotecnici previsti dalle Norme di riferimento, sia per enfatizzare l'effetto scenografico, sia per valorizzare l'architettura.

Come aveva fatto Hines sempre a Milano, realizzando delle cesate ad hoc per il cantiere di Porta Nuova, anche per le Residenze Carlo Erba la proprietà ha affidato a Daniele Nicolosi 8in arte Bros) di decorare i ponteggi e il cantiere con i suoi caratteristici omini cubici colorati.

Commenta la notizia

Dossier on line

Il soccorso istruttorio alla prova dei giudici

Evitare i cartellini rossi in gara dovuti a motivi esclusivamente formali, come la dimenticanza o l'incompletezza di una dichiarazione. E di conseguenza ridurre l'enorme contenzioso negli appalti. Era l'obiettivo alla base del nuovo soccorso istruttorio introdotto nel codice dal decreto legge 90/2014 ad agosto 2014. L'effetto è stato opposto. La possibilità di sanare le irregolarità formali pagando una sanzione ha prodotto una serie di difficoltà applicative che hanno mandato in tilt gli uffici gara di mezza Italia. Generando nuovi ricorsi. In questo dossier imprese e amministrazioni possono trovare una guida operativa all'applicazione delle nuove misure. Con l'approfondimento delle interpretazioni fornite dall'Anac, l'analisi delle normative europee e soprattutto il commento e i testi delle prime sentenze pronunciate dai Tar per dare soluzione ai casi concreti.

Vedi tutti i Dossier Acquista il Dossier Accesso Abbonati

Altri dossier

Materiali e Tecnologia

Macchine movimento terra, continua il boom di vendite: +15,3% nel 2015

Con la sola eccezione delle terne e dei sollevatori telescopici, per tutti gli altri settori i numeri sono largamente superiori al venduto del primo trimestre 2014

Social Housing

Housing, con l'intesa Campidoglio-Cdp 2mila alloggi in più a Roma

Previsti investimenti per 190 milioni per realizzare nuove case popolari da affittare a canone calmierato