archistar

Eisenman debutta in Italia, in cantiere le Residenze Carlo Erba a Milano

Accedi a My

approfondimenti

foto

A Milano, nell'area di Città Studi sono partiti i lavori per la costruzione di un nuovo complesso residenziale firmato da Peter Eisenman. Sarà la prima opera italiana realizzata, firmata dalla star americana, insieme a Degli Esposti Architetti e Guido Zuliani.

L'edificio sostituirà la sede della Zurich Assicurazioni, occupando un intero isolato di forma triangolare sul lato Nord della Piazza Carlo Erba. Il progetto mantiere l'edificio storico dell'inizio Novecento che prospetta sulla piazza (ex edificio Rinascente) e sostituisce con un nuovo volume alto 9 piani il resto dell'immobile.

Distribuzione. Previsto un mix di bilocali, trilocali e plurilocali, dotati di logge e balconi con affaccio sul giardino condominiale e di grandi terrazze ai piani alti. Le residenze dei piani sette, otto e nove sono concepite come ville urbane indipendenti con il proprio giardino pensile dotato di serre e la possibilità di costruire anche alloggi su più livelli.

Materiali. Materiali pregiati verranno usati in tutto l'edificio. L'esterno sarà rivestito con lastre di pietre (travertino e marmo) e all'interno saranno usate pietre naturali per i pavimenti e i rivestimenti, parquet pregiati e tecnologie avanzate. Resta che la flessibilità nella scelta e personalizzazione delle finiture è uno degli obiettivi della progettazione.

Luce. Nel progetto grande importanza è stata data alla luce naturale, garantita grazie alle ampie vetrate, sia negli spazi comuni che nelle unità abitative. A integrazione è previsto un complesso progetto illuminotecnico sia nel rispetto dei requisiti illuminotecnici previsti dalle Norme di riferimento, sia per enfatizzare l'effetto scenografico, sia per valorizzare l'architettura.

Come aveva fatto Hines sempre a Milano, realizzando delle cesate ad hoc per il cantiere di Porta Nuova, anche per le Residenze Carlo Erba la proprietà ha affidato a Daniele Nicolosi 8in arte Bros) di decorare i ponteggi e il cantiere con i suoi caratteristici omini cubici colorati.

Commenta la notizia

dossier

Direttiva concessioni, approfondimenti e testo

Più investimenti privati nelle infrastrutture e mercati europei più aperti alla libera circolazione di imprese, investitori, finanziamenti. Con questi obiettivi l'Unione europea ha approvato per la prima volta una specifica direttiva sulle concessioni (di lavori e di servizi). Uscita il 28 marzo sulla «Guce», la direttiva 2014/23/Ue dovrà essere recepita dagli stati membri entro il 18 aprile 2016, e introdurrà regole più severe sull'obbligo di trasferire ai privati il «rischio operativo»: non sarà più possibile inserire a favore del concessionario forme di garanzia e di canoni fissi minimi che lo coprano dal rischio effettivo di non riuscire a ripagare il suo investimento. Testo e commenti.

Vedi tutti i Dossier Acquista il Dossier Accesso Abbonati

Altri dossier

Materiali e Tecnologia

«Fiocchi» di cellulosa come isolante, gli scarti industriali rivivono in cantiere

Da uno spin-off del Politecnico di Torino è nata la Nesocell: usa un prodotto naturale al posto di di schiume o resine sintetiche ottenendo un risparmio del 30-40% nei costi energetici

Social Housing

Al via la gara per il fondo di social housing in Toscana - L'avviso

La Regione seleziona il fondo immobiliare cui conferire 5 milioni di euro per sviluppare progetti di edilizia abitativa sociale