Progettazione e Architettura

Hollande taglia il nastro della Villa Méditerranée di Boeri Studio

Paola Pierotti

A nove anni dal concorso è arrivata al traguardo a Marsiglia la «Villa Méditerranée, Centre International pour le dialogue et les échanges en Méditerranée» firmata Boeri Studio.

Il progetto sviluppato dal team guidato nel 2004 da Stefano Boeri, Gianandrea Barreca e Giovanni La Varra (oggi in studi distinti) è un edificio polivalente di circa 9000 metri quadri, situato sulle banchine del porto storico della città francese, destinato ad ospitare eventi culturali, attività di ricerca e spazi di documentazione sul Mediterraneo.

Il 12 e 13 gennaio saranno il Presidente francese François Hollande e il Presidente della Regione Michel Vauzelle ad aprire le porte della nuova struttura made in Italy che ospiterà la prima mostra la prossima primavera, nell'ambito delle iniziative legate agli eventi per «Marsiglia Capitale della Cultura Europea».

Marsiglia, laboratorio a cielo aperto.

«L'idea che governa il progetto - spiegano i progettisti - è di fare entrare il mare all'interno dell'edificio; elemento centrale dello spazio progettato, la darsena non ha il semplice ruolo di bacino ornamentale, ma è pensata come luogo per l'orientamento, l'animazione e organizzazione dell'insieme del nuovo Villa Méditerranée». Tra le parti della costruzione il mare è lo spazio di riferimento, visibile e prossimo sia all'esterno che all'interno dell'edificio.

Il nuovo edificio nasce tra ‘terra e mare' e ricorda il concept dell'edificio firmato sempre SBA - Stefano Boeri Architetti alla Maddalena, costruito in occasione del G8.

«L'acqua del mare - dicono gli architetti milanesi - viene accolta nel progetto in una darsena artificiale che diventa spazio centrale dell'edificio tra la sua parte sospesa e quella interrata. La darsena è progettata come uno spazio pubblico vero, dagli usi molteplici e liberi, ove tutte le attività sono concepibili: piattaforme pedonali flottanti, scenografie provvisorie, esposizioni empiriche».

Uno sbalzo di 36 metri sospeso a 14 metri di altezza dal livello del mare ospita un'area espositiva di circa 1000 mq, illuminata da fianchi vetrati, lucernari e e vetri calpestabili a pavimento.

Al di sotto del bacino si sviluppa un altro spazio polivalente di 1500 mq arricchito da una sala per spettacoli per 500 persone, anche qui il contatto visivo con il mare è garantito da lucernari-oblò.

Un grande atrio verticale lega i due spazi principali tra loro e ad altri luoghi di dimensioni più ridotte, che accolgono sale commissioni, uffici e un ristorante.

Roland Carta a Marsiglia .

5+1AA a Marsiglia .


© RIPRODUZIONE RISERVATA