Progettazione e Architettura

Fuksas si aggiudica in Cina il centro culturale di Chengdu

Al.Le.

Massimiliano e Doriana Fuksas si sono aggiudicati il concorso internazionale per la realizzazione del primo centro culturale della città di Chengdu, capitale della provincia del Sichuan, colpita nel 2008 da un terribile terremoto.

Dopo i progetti in corso di costruzione a Shenzhen, la Guosen Tower e il Terminal 3 dell'aeroporto internazionale Bao'an il cui completamento è fissato per l'estate del 2013, lo Studio Fuksas si appresta a realizzare questo nuovo progetto in Cina del valore di 1 miliardo e 200 milioni di yuan (circa 150 milioni di euro).

Il complesso culturale è costituito da quattro edifici di forma ellittica con una struttura a spirale. Il concept del progetto trae ispirazione dall' antico simbolo della città di Chengdu (un cerchio che racchiude un sole con raggi a spirale) e testimonia la volontà della comunità cinese di guardare al futuro, privilegiando l'arte e la cultura.

GUARDA LA FOTOGALLERY

Il progetto di Massimiliano e Doriana Fuksas è stato concepito come una sinfonia di volumi architettonici, che creano l'effetto di una musica che si può ascoltare con gli occhi. Su una superficie totale di circa 110.000 mq, la forma ellittica di ogni edificio regala l'impressione di un movimento perpetuo e di una vibrazione continua.
La superficie delle facciate è un nastro continuo rivestito da una pelle metallica con aperture dal design geometrico che permettono alla luce naturale di entrare negli spazi interni dei quattro volumi. Il complesso è composto da un centro per le arti performative che ospita due teatri per un totale di 1800 posti e una music hall (600 posti); un centro culturale che include un teatro da 2600-3000 posti e una galleria espositiva; gli uffici della Literary and Writer Association; un edificio con appartamenti per gli artisti. Il tutto immerso nel verde dei giardini che ricordano le colline orientali dello Sichuan, con la loro vegetazione colorata, l'erba rossa, gli alberi di pesco e le peonie.

Il cantiere dovrebbe partire agli inizi del 2013, a testimonianza del dinamismo e della volontà di crescere della già numerosa comunità di Chengdu, che è la quinta città più popolosa della Cina.


© RIPRODUZIONE RISERVATA