Progettazione e Architettura

Oliviero Godi: «Le norme servono a togliere responsabilità ai funzionari. Si frena l'innovazione e si altera il ruolo del progettista»

P.P.

Scrive Oliviero Godi, Exposure Architecture

1. a differenza del trend attuale delle varie Pa all'estero, (io ho a che fare con quella di Istanbul) quelle italiane non amano confrontarsi, durante il processo decisionale, con i vari attori implicati. Questo di fatto limita i rapporti stessi a situazioni conflittuali e di confronto, mai di collaborazione.

2. di fatto nessun dirigente o funzionario delle Pa si assume alcuna responsabilità decisionale. Questo fa si che le lungaggini burocratiche siano enormi, proprio per fare in modo che tutto sia normalizzato, che ogni interpretazione, ove necessaria, sia sempre fortemente conservativa e che di fronte a proposte innovative si ottenga nella maggior parte un rifiuto.

3. questa necessità di norme che regolino tutte le possibili situazioni, proprio per togliere responsabilità ai funzionari, fa si che i vari regolamenti e codici siano loro stessi restrittivi e tendenti a mantenere una situazione di fatto piuttosto che permettere novità, cambiamenti, rinnovamenti.

4. troppo spesso la presentazione di un progetto per una autorizzazione diventa lo spunto per un funzionario di diventare lui/lei stessa un progettista, con scarso rispetto di chi il progetto l'ha presentato. Oltre che svilire il lavoro progettuale, crea soluzioni di compromesso che non giovano certo alla qualità del risultato finale.

5. Per quanto i funzionari non cambino in seguito alle elezioni amministrative, i vari assessori invece lo fanno ed ogni volta impartiscono cambi di direzione non solo a livello generale, che deve essere una loro prerogativa, in quanto sono stati eletti proprio per una certa visione dello sviluppo del proprio comune, provincia, regione, ma anche nel modo di amministrare gli uffici tecnici nelle loro incombenze più normali, e quindi ogni volta il modo di rapportarsi con le Pa cambia radicalmente, con necessari modifiche nel modo stesso di progettare.


© RIPRODUZIONE RISERVATA