Progettazione e Architettura

Pieve di Cento (Bo) lancia concorso per riqualificare il centro storico

Il Comune di Pieve di Cento, nonostante il sisma ed i danni provocati al patrimonio pubblico, non si ferma e continua a perseguire alcuni obiettivi strategici del proprio mandato. Tra questi il concorso di progettazione «La Strada è di tutti! Lo spazio pubblico come pratica di costruzione dell'identità collettiva», per la realizzazione di un catalogo di interventi sulla pavimentazione e l'arredo del centro storico e di un progetto preliminare di valorizzazione e pedonalizzazione dell'area circostante la Rocca e Porta Bologna.
I progettisti avranno tempo fino al 19 gennaio 2013 per presentare gli elaborati che saranno valutati da una giuria. Al primo, al secondo e al terzo classificato sarà corrisposto, rispettivamente, un premio di 5 mila, 3 mila e 2 mila euro, mentre il quarto e il quinto avranno un riconoscimento pari a mille euro. Al vincitore potrà essere affidata la progettazione definitivo-esecutiva e la direzione lavori. Il concorso di architettura è finanziato dalla Regione Emilia-Romagna grazie al bando «Concorsi di architettura per la riqualificazione urbana» di cui il Comune di Cento è una delle 19 Amministrazioni vincitrici.
«La Regione sostiene l'iniziativa del Comune di Pieve di Cento, che nonostante i danni del terremoto, ed anzi con una positivo sforzo di reazione, propone un concorso di progettazione per salvaguardare e valorizzare il suo prezioso centro storico – ha commentato l'assessore regionale all'ambiente e riqualificazione urbana Sabrina Freda - L'iniziativa si colloca a pieno titolo nel programma dell'assessorato regionale all'ambiente e alla riqualificazione urbana, che proprio attraverso la promozione dei concorsi di architettura, intende richiamare le capacità e le professionalità locali, ma non solo locali, a curare e a migliorare l'ambiente urbano con un'attenzione alla bellezza e alla vivibilità dei nostri centri storici, patrimonio inalienabile e risorsa preziosa per la tutela del paesaggio e dell'ambiente».
Per il sindaco Sergio Maccagnani e l'assessore ai lavori pubblici Luca Borsari: "Pieve si è guadagnata una grande opportunità. Nonostante oggi la Rocca e Porta Bologna siano inagibili a causa del terremoto, non abbiamo voluto perdere il finanziamento della Regione e disperdere così il grande lavoro svolto in questi anni. Riteniamo infatti possibile, e lavoreremo in tal senso, che quando partiranno i lavori per la riqualificazione dell'area circostante la Rocca, si siano già sbloccate le risorse utili per il ripristino dei due edifici».


© RIPRODUZIONE RISERVATA