Progettazione e Architettura

Cenci: «Il multitasking è una dote, è molto faticoso ma è adrenalina pura»

P.P.

Scrive Simonetta Cenci (5+1AA Agenzia di Architettura)

Zaha Hadid è un'artista nel senso classico, uno spirito creativo, unica nel suo genere. Kazuyo Sejima è un samurai, guerriera dell'architettura. Benedetta Tagliabue ha saputo dare continuità al lavoro di un grande architetto, Enric Miralles.

Le tre principali difficoltà per una donna (architetto, mamma, moglie di un socio) nella vita reale? Superare le situazioni di maschilismo assoluto anche confrontandosi in cantiere con uomini che ti rispettano solo se usi toni adeguati. Fare molte cose contemporaneamente. Spesso crescere i figli da sole.

Lavoro con Alfonso Femia e Gianluca Peluffo (partners dello studio 5+1AA) dal 1999, sono entrata in studio come stagista poi collaboratrice poi socia. Non ho mai cercato un'uguaglianza professionale per mio modo d'essere. Noi tre soci siamo molto diversi e questa è la nostra forza: il multitasking è la dote di cui vado fierissima, è molto faticoso ma è adrenalina.

Nel nostro studio io ho un ruolo multidisciplinare: coordino i lavori e i ragazzi che lavorano con noi, gestisco la sede di Genova e supporto quella di Milano, prendo i contatti con i clienti, supporto la parte amministrativa, le gare, i concorsi, sono un referente per chi ha bisogno. Non di rado devo prendere anche decisioni progettuali pur cercando sempre un confronto con i due soci.

Tra i cantieri più recenti dello studio 5+1AA quello per un comparto di social housing a Brescia realizzato con Rubner per l'Aler.

All'estero lavorano sul waterfront di Tanger i e per i docks di Marsiglia . A Roma 5+1AA ha completato la nuova Agenzia Spaziale


© RIPRODUZIONE RISERVATA