Progettazione e Architettura

Da Frank Ghery a Renzo Piano, quando sulla cantina c'è la griffe dell'architetto

P.P.

Il Dossier di «Progetti e Concorsi»: 26 pagine dedicate alle cantine più belle, in Italia e all'estero

Negli ultimi vent'anni la produzione vinicola è passata da una dimensione agricolo-artigianale ad una dimensione industriale e al suo successo commerciale. Si giustifica così l'interesse di numerosi e blasonati imprenditori per realizzare cantine sempre più grandi e attrezzate, dotate di strutture ricettive legate ad un turismo enogastronomico che è considerato uno dei principali strumenti di marketing per le diverse aziende vinicole.

E l'architettura è diventata un'alleata preziosa nella promozione dell'immagine dell'azienda vinicola, nella rappresentazione dei suoi valori e nella valorizzazione stessa del vino prodotto. E non mancano le archistar. In Spagna Frank Gehry ha per esempio firmato l'ampliamento della cantina Marqués del Riscal, dove c'è un ristorante, un hotel e uno spazio benessere per la vinoterapia. È solo un esempio di realizzazioni esemplari illustrati nel dossier di 26 pagine che «Progetti e Concorsi» ha dedicato alle cantine, in Italia e all'estero.

Tra le firme, Renzo Piano, Piero Sartogo e Nathalie Grenon, Onsitestudio e anche l'artista scultore Arnaldo Pomodoro, che ha ideato l'originale cantina-carapace nella Tenuta Castelbuono del gruppo Lunelli. (vai al Dossier da questo link )


© RIPRODUZIONE RISERVATA