Progettazione e Architettura

All'Aquila un nuovo Tribunale bioclimatico in sostituzione di quello danneggiato dal terremoto

Paola Pierotti

In 400 giorni sarà pronto il nuovo Tribunale dell'Aquila. Un'opera da 19,4 milioni che sarà realizzata dal Consorzio stabile abruzzese innovazione e restauro 'Rennova' ed è progettato da Enzo Eusebi e dalla società Politecnica Ingegneria e architettura, con il coordinamento di Beatrice Gentili.

È questo il team che si è aggiudicato la gara indetta dal Ministero delle Infrastrutture per la ricostruzione dell'ala uffici del tribunale di via XX Settembre sull'area su cui sorge l'attuale sede che dovrà essere demolita rapidamente a causa dei gravi danni subiti con il terremoto del 2009.

Erano 16 le cordate concorrenti e dopo un anno dall'inizio della procedura l'ha spuntata un pool di imprese edili della provincia di Teramo. Il gruppo si è aggiudicato l'appalto con un buon punteggio per l'offerta tecnica, battendo altre cordate che hanno proposto ribassi economici superiori.

Il nuovo edificio sarà lungo 150 metri. Sarà un «tribunale bioclimatico» con pareti ventilate, che alterneranno superfici trasparenti e altre opache. È previsto l'uso del travertino, dell'acciaio corten e dell'alucobond.

In questo edificio pubblico si prevede anche la realizzazione di un giardino pensile che servirà anche a migliorare le caratteristiche ambientali della struttura. Sulla copertura si prevedono anche pannelli solari e fotovoltaici.


© RIPRODUZIONE RISERVATA