Progettazione e Architettura

Aulla (Ms), dopo l'alluvione ricostruzione in tempi record: per i tre ponti premiati i progetti di De Miranda e Ricci-Val

Francesca Oddo

Oltre al premio di 20mila euro per i preliminari, affidate agli studi anche le successive fasi della progettazione - L'appalto dovrebbe essere bandito entro l'anno

Tempi record per il concorso di progettazione per tre preliminari destinati alla realizzazione di tre ponti sul fiume Magra e sui torrenti Mangiola e Teglia, bandito la primavera scorsa dalla Regione Toscana. A vincere sono stati Mario De Miranda (capogruppo) dello Studio De Miranda Associati con base a Milano insieme allo studio di architettura RICCI-VAL di Conegliano. A loro va il premio di 20 mila euro, in più «ci sono state affidate le successive fasi di progettazione, la direzioni dei lavori e dei coordinamenti della sicurezza. Si procede in maniera spedita: secondo il programma, entro l'anno dovrebbe essere bandito l'appalto», spiega De Miranda. Lo confermano le parole di Cinzia Gandolfi, settore Pianificazione del territorio della Regione Toscana, la quale afferma che «l'orientamento di programma è quello di bandire l'appalto fra la fine e l'inizio del nuovo anno, con una previsione di inizio cantieri stimabile per l'inizio della prossima primavera». L'obiettivo è quello di ripristinare velocemente la normale vita quotidiana dei paesi colpiti dall'alluvione dello scorso ottobre che colpì in maniera disastrosa Aulla e alcuni paesi al confine fra Toscana e Liguria. Proprio per questa ragione, infatti, il Presidente Enrico Rossi è stato incaricato dalla Protezione Civile «commissario per gli eventi della Lunigiana». Il costo complessivo dell'opera si aggira intorno ai 17 mila e 500 milioni di euro e le risorse sono già disponibili.

Il progetto dei tre ponti è caratterizzato dall'adozione di una figura tecnica allo stesso tempo classica e moderna: il ponte sospeso. I tre ponti, infatti, hanno una configurazione strutturale caratterizzata da un impalcato in acciaio, con soletta in calcestruzzo, sospeso da una coppia di catenarie in acciaio ad alta resistenza mediante due cortine di pendini verticali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA