Progettazione e Architettura

L'Aquila, provvisorio ma non troppo l'auditorium di Piano - La fotogallery

Fabiana Calsolaro

Inaugurato ieri, costato 6,3 milioni di euro su donazione della Provincia di Trento. Il sindaco Cialente: «Io non lo farò mai smontare»

Arriva con quasi un anno di ritardo l'auditorium progettato per L'Aquila da Renzo Piano. L'opera è stata inaugurata il 7 ottobre, ma il cantiere doveva partire nell'aprile 2011 e l'inaugurazione fu annunciata per novembre.

La struttura è stata inaugurata nel pomeriggio di domenica dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e con un concerto dell'Orchestra Mozart diretta da Claudio Abbado.

Il «modulo a uso concertistico provvisorio», («Provvisorio? - ha detto il sindaco Massimo Cialente durante la conferenza stampa - Io non lo farò mai smontare. Anche la Tour Eiffel era nata provvisoria ....»), finanziato dalla Provincia di Trento per un importo di 6,3 milioni, sorto all'interno del cinquecentesco Forte Spagnolo, ha avuto vita difficile a causa di una vicenda giudiziaria relativa al bando di gara. Le due offerte più basse furono scartate perché "anomale" per eccesso di ribasso. Una delle imprese escluse fece ricorso e il Tar dell'Aquila concesse la sospensiva dell'aggiudicazione. Ma la Provincia di Trento ricorse al Consiglio di Stato che annullò la sospensiva nell'ottobre 2011.

L'avvio dei cantieri era previsto prima di Natale scorso o al massimo entro i primi di gennaio, ma vista l'ondata di maltempo e le nevicate e trattandosi di un edificio prefabbricato in legno, per non compromettere la qualità dell'intervento i cantieri sono stati avviati solo ad aprile scorso.
L'edificio è formato da tre cubi di legno, materiale antisismico per eccellenza e con una buona frequenza di risonanza acustica, oltre che facile da smontare, riutilizzare, riciclare. Il primo cubo, 18 metri per 18, inclinato di 30 gradi, ospita l'auditorium (238 spettatori e 40 orchestrali). Ai lati del cubo principale, gli altri due, più piccoli, ospiteranno foyer, camerini, sala incontri, uffici e bar.


© RIPRODUZIONE RISERVATA