Progettazione e Architettura

Architettura, nominati dieci progetti per lo Schindler Award 2012


La giuria di esperti di fama internazionale dello Schindler Award 2012 ha nominato dieci progetti finalisti del concorso biennale per studenti di architettura di tutta Europa. I progetti verranno presentati il 7 dicembre prossimo in occasione della cerimonia di premiazione presso il Museo Paul Klee di Berna; il vincitore e coloro che si classificheranno dal secondo al quinto posto riceveranno premi in denaro. Inoltre, a tre delle scuole di architettura in concorso saranno assegnati riconoscimenti per un valore complessivo di 50mila Euro.
I dieci vincitori dei premi (clicca qui per la lista ) sono stati scelti tra i 113 progetti presentati da singoli o da gruppi di studenti delle scuole di architettura di tutta Europa.
La sfida di questa edizione del concorso era incentrata sulla ristrutturazione della zona «Schützenmatt» situata nel centro storico di Berna. L'obiettivo del progetto era quello di rendere questa zona accessibile a chiunque, anche alle persone disabili. Il presidente della giuria, Prof. Kees Christiaanse, ha considerato la scelta della zona molto adatta. Lo Schützenmatt, infatti, è un sito che presenta diversi livelli topografici ancora poco connessi tra loro e offre varie possibilità di lavoro.
Ai partecipanti dello Schindler Award 2012 è stato chiesto di realizzare un piano di ristrutturazione della zona Schützenmatt per meglio inserirla nel paesaggio e collegarla ai quartieri confinanti. L'area è stata scelta proprio perché offriva la possibilità di riunire tra loro tutti gli obiettivi del concorso: migliore accesso per le persone e realizzazione di spazi cittadini adatti ai bisogni di tutti gli abitanti. I temi principali del concorso erano focalizzati sulla ristrutturazione e sulla densità urbanistica, nonché sui concetti di spazio pubblico e di integrazione. Gli studenti avevano il compito di valorizzare e sfruttare meglio lo spazio pubblico e, al contempo, di tenere conto dei diversi gruppi culturali e delle minoranze che vivono in questa zona. Nel concorso è stata data particolare importanza al criterio, troppo spesso trascurato, dell'accessibilità agli spazi pubblici anche per persone disabili.


© RIPRODUZIONE RISERVATA