Progettazione e Architettura

Cinquanta architetti americani in arrivo per opportunità di business

Cinquanta architetti provenienti da alcuni tra i più importanti studi di architettura degli Stati Uniti parteciperanno a Made Expo per incontrare le aziende espositrici e instaurare concreti rapporti di business.
Le prestigiose realtà d'oltreoceano rappresentano le frontiere più all'avanguardia del mondo del progetto in tutti i suoi comparti: dallo studio Gensler, coinvolto in numerosi progetti di pianificazione urbana e progettazione grafica ambientale e ad oggi secondo studio di architettura degli Stati Uniti, fino a Skidmore, Owings and Merrill LLP (SOM), che ha curato alcune delle architetture più importanti dei secoli XX e XXI ricevendo più di 1100 premi, fino a Perkins + Will, che da 75 anni lavora per trasformare attraverso il design gli spazi, la cultura e la vita della comunità.

La presenza di professionisti di così alto livello offre alle aziende la possibilità di entrare in contatto diretto con realtà di prim'ordine, che operano nelle principali città americane come Chicago, New York, San Francisco, Los Angeles e Washington DC, ma che sviluppano progetti e investimenti immobiliari in ogni parte del mondo, come lo studio HOK, che, fondato nel 1955, impiega oggi più di 1.800 professionisti attraverso una rete globale di 25 uffici in tre continenti, e IA Interior Architects (IA), realtà focalizzata esclusivamente sul design d'interni con dodici sedi negli Stati Uniti e più di 60 uffici partner in tutto il mondo.

Gli architetti americani interverranno alla manifestazione in rappresentanza degli studi BCV Architects, CO Architects, Froelich Kim Architecture, FXFOWLE Architects, Gensler, Handel Architects, HDR, Inc., HKS, HOK, Huntsman Architectural Group, IA Interior Architects, Korth Sunseri Hagey Architects, LSY Architects, Moore Ruble Yudell, NBBJ, NELSON, Perkins+Will, Rockwell Group, SB Architects, SOM, Stantec.


© RIPRODUZIONE RISERVATA