Progettazione e Architettura

Pelle di alluminio a «squame» triangolari. Non solo aule, ma anche albergo e ristoranti

Paola Pierotti

È stato appena inaugurato la struttura scolastica «sperimentale» firmata dallo studio romano di Massimiliano e Doriana Fuksas

Un'opera pubblica in Francia, made in Italy e frutto di un concorso. È stato appena inaugurato il Liceo Georges-Frêche costruito da Doriana e Massimiliano Fuksas a Montpellier: un liceo alberghiero frutto di un concorso vinto nel 2007 dalla Région Languedoc-Roussillon.

I progettisti hanno realizzato il nuovo istituto scolastico e firmato anche l'interior design di un albergo e di tre ristoranti aperti al pubblico.

Il progetto Fuksas si sviluppa orizzontalmente e si articola in una serie di volumi compatti dalle forme scultoree. La complessità volumetrica è percepibile anche all'interno dell'edificio offrendo a ogni ambiente una sua particolarità spaziale. L'edificio è destinato alle discipline alberghiere, gastronomiche e al turismo.

«Un progetto sperimentale – lo definisce lo studio romano – sia per la realizzazione delle facciate in alluminio dalla geometria triangolare, che per la messa in opera della struttura in cemento armato, entrambe adattate alle peculiari forme curve e fluide del complesso».

In Francia per una scuola si è scelto un progetto innovativo, firmato da una star dell'architettura internazionale e frutto di un concorso. Una scuola griffata come quella realizzata da Zaha Hadid Archtitects in Gran Bretagna per la Evelyn Grace Academy a Brixton.

Un progetto nato da un concorso come accade in tanti paesi europei (tanti concorsi sono stati indetti anche in Italia sul tema delle scuole ma pochissimi sono stati realizzati). Un modello di successo sia per gli enti locali che per il il governo Monti che vuole investire risorse per realizzare nuovi istituti scolastici.


© RIPRODUZIONE RISERVATA