Progettazione e Architettura

Selezione a fase unica. L'autore della proposta vincitrice accede al successivo concorso di progettazione

M.Fr.

Montepremi di 40mila euro (la metà per il progetto vincitore) per il concorso di idee lanciato dal comune di Piacenza. Obiettivo: valorizzare il complesso delle mura storiche della città

Valorizzazione del sistema delle storiche fortificazioni, tra Barriera Torino e Barriera Milano, per farne una cerniera tra la città storica e il contesto naturalistico e ambientale rappresentato dal parco fluviale e da altre zone di interesse naturalistico. Il tutto sviluppato «fermo restando il rispetto delle normative vigenti di riferimento e nello spirito della "Smart city – città creativa: idee in movimento"».

Il bando del concorso di idee lanciato dal comune di Piacenza scade il prossimo 26 ottobre e prevede un montepremi di 40mila euro, di cui la metà dedicato al vincitore. Al secondo e al terzo posto sono riservati i due premi di 13mila e 7mila euro (più eventuali menzioni, non remunerate).

L'oggetto del concorso è esattamente la «redazione di un progetto integrato di valorizzazione del Parco delle Mura di Piacenza». Il Comune chiede una «proposta progettuale complessa per l'area urbana che interagisce con il sistema delle fortificazioni nel quadrante Nord Ovest (da Barriera Torino a Barriera Milano) che, partendo da interventi meramente architettonici e urbanistici (sistema del verde, sistema dei percorsi, rifunzionalizzazione di contenitori esistenti all'interno del sistema difensivo dei Bastioni e delle Porte, sistema informativo-divulgativo, sistema delle reti etc.), non si esima dal valutare una vera e propria "impresa culturale" che punti sulla comunicazione del progetto e sulla diffusione dell'immagine del comparto urbano e di conseguenza della intera città, indissolubilmente legata alle sue fortificazioni».

Il concorso è in un'unica fase. Si chiede una proposta «con un grado di approfondimento pari a uno studio di fattibilità».

Gli elaborati richiesti sono i seguenti: due tavole A0 con planimetrie di inquadramento (1:10 000), planimetria della proposta (1:2 000), piante, prospetti, sezioni, «in scala adeguata a scelta del concorrente», schizzi, prospettive, assonometrie, foto, disegni eccetera.

Le proposte verranno selezionate in base ai seguenti elementi: qualità architettonica (30 punti su 100); qualità dello spazio pubblico e di qualità ambientale (45 punti su 100); qualità paesaggistica (25 punti su 100).

«Il Comune di Piacenza - informa infine il bando - a suo insindacabile giudizio, si riserva la facoltà di recepire all'interno del costituendo PSC, i contenuti delle migliori proposte ideative pervenute e premiate nonché di realizzare le opere oggetto del concorso. Nel caso l'Amministrazione proceda alla esecuzione delle opere, l'idea premiata potrà essere posta a base di gara di un concorso di progettazione ed alla relativa procedura sarà ammesso a partecipare anche il vincitore del premio, qualora in possesso dei relativi requisiti soggettivi».


© RIPRODUZIONE RISERVATA