Progettazione e Architettura

Concorso per le società di ingegneria. Terna cerca idee per un elettrodotto

Paola Pierotti

Una gara pubblica e trasparente per cercare innovazione: così come dovrebbe accadere in architettura. Competizione Terna con rimborsi spesa a tutti i partecipanti (50-80mila euro). Oggetto: un cavo sottomarino che colleghi Italia e Algeria.

Un concorso di progettazione per gli ingegneri. A promuoverlo è la società Terna che ha avviato attraverso un bando la fase di prequalifica, rivolta alle società di ingegneria, per affidare la progettazione di un elettrodotto sottomarino che colleghi Italia (Sardegna) e Algeria.

Terna si è affidata allo strumento del concorso, mettendo in palio rimborsi spesa di 50-80mila euro ai concorrenti, con l'intento di cercare soluzioni tecnologiche innovative. Per realizzare un elettrodotto che dovrà raggiungere la profondità di circa 2000-2500 metri, la società ha scelto di mette in competizione i progettisti attraverso un classico «concorso di progettazione», invece di puntare su una gara basata su prezzo e curriculum, e paga il loro know how con adeguati rimborsi spesa.

Arriva dalle imprese e dal mondo dell'ingegneria una lezione per i concorsi di architettura: quando l'esigenza è reale il concorso viene indetto appositamente per trovare la migliore soluzione possibile. E i progetti vengono pagati. Una lezione per le Pa che spesso promuovono concorsi di architettura come azioni di marketing urbano, invece di pensare che il concorso è semplicemente uno mezzo per affidare un incarico concreto, uno strumento per scegliere il progetto migliore: come insegna questo caso specifico.

Terna sta studiando da tempo il possibile collegamento tra Italia e Algeria e nell'ambito di questa ricerca ha incaricato una società specializzata per l'individuazione dei migliori tracciati marini. Da questo studio è emerso che l'elettrodotto dovrà essere posto (nella situazione più ottimistica) ad una profondità di oltre 2000 metri. La sfida progettuale è stata allora esternalizzata e Terna ha aperto la competizione alle società di ingegneria che hanno competenze specifiche e hanno già realizzato infrastrutture di questo tipo.

Nel bando si specifica che i progetti migliori potranno essere usati poi da Terna per questo o per altri collegamenti.

Il cavo oggetto del bando dovrebbe partire da Cagliari (a Nord del pontile Enichem) e approdare in località Lehanaya, a Est di Annaba, con una lunghezza del tratto sottomarino di 350 km. La profondità massima di posa è di 2.000 km, ma Terna chiede ai candidati di verificare la possibilità tecnologica di raggiungere i 2.500 metri, per vincoli imposti dal tracciato sottomarino scelto per la posa del cavo.

Il bando si basa appunto su uno studio affidato lo scorso giugno da Terna Rete Italia alla Geological Assistence & Services, le cui indicazioni tecniche sono servite a individuare un tracciato di riferimento, comunque modificabile. Anche sul piano tecnico sono previste due ipotesi alternative: un cavo monopolare con elettrodi marini da 600 MW, con possibilità di realizzare in un secondo momento una configurazione bipolare da 1.200 MW; oppure direttamente una configurazione bipolare da nominali 1.000 MW.

Ai progettisti che vorranno competere si chiede anche di stabilire le modalità di posa del cavo marino ad altissima profondità, le caratteristiche dei mezzi da usare per la posa e tutte le attività necessarie per la messa in servizio del collegamento (sviluppo tecnologico, propedeutiche alla realizzazione e alla posa in opera del cavo marino). Nel bando si propongono due scenari di progetto e i concorrenti potranno scegliere se presentare una soluzione progettuale o due.

Tra i requisiti la richiesta esplicita di «aver progettato e realizzato almeno un cavo sottomarino della stessa tipologia di quello oggetto di progetto, in esercizio da almeno un anno (tensione massima maggiore o uguale a 150 kVcc e lunghezza maggiore o uguale a 40 km)».

Il concorso è a procedura ristretta e prevede l'invito a massimo trenta gruppi.

In palio un rimborso spesa a tutti i concorrenti che presenteranno proposte idonee e rispettose dei requisiti: 50mila euro è il premio per chi presenterà un progetto valido per uno solo degli scenari proposti, 80mila euro per chi presenta un progetto per i due scenari possibili.

Il termine per la presentazione delle domande è il 3 agosto 2012.


© RIPRODUZIONE RISERVATA