Progettazione e Architettura

Premio di 14mila euro per il restauro green di ville e complessi abbandonati a Cogne

Massimo Frontera

Primo premio di 14mila euro per il concorso di idee lanciato dalla regione nel comune di Cogne. I concorrenti dovranno proporre anche funzioni in grado di produrre un reddito

In Valle d'Aosta per l'ampio compendio Boutillière, a Cogne. Scopo del concorso - bandito dalla regione Valle d'Aosta - è individuare la migliore soluzione per riqualificazione un insieme di diverse aree, indicando anche le modalità di attuare gli interventi e anche le nuove destinazioni. In particolare le proposte ideative dovranno riguardare il complesso ex Onarmo, il complesso, Villa Est e Villa Ovest, e i fabbricati denominati "ex Mensa ed ex Uffici".

I concorrenti dovranno prevedere la riqualificazione e il restauro e il possibile cambio di destinazione d'uso degli stabili. Su quest'ultimo aspetto il bando vuole sbrigliare la fantasia dei progettisti: «La destinazione d'uso degli immobili è a libera scelta dei concorrenti, a cui è lasciata massima libertà di espressione in merito».

Ciascun concorrente, precisa inoltre il bando, è tenuto alla presentazione di una proposta ideativa per ogni area, le proposte «dovranno essere coerenti e compatibili tra di loro». Ma non è tutto. Ai progettisti si chiede anche un'ipotesi di sostenibilità finanziaria delle nuove funzioni.

«L'Amministrazione regionale - si legge infatti nel bando - intende riqualificare l'area di cui trattasi con l'obiettivo di valorizzare il patrimonio immobiliare di proprietà sulla base delle proposte ideative ritenute maggiormente idonee, pertanto la proposta ideativa presentata, pur non avendo vincoli di carattere economico, dovrà essere supportata da un'analisi di massima che tenga conto di un rientro di investimento».

L'elaborazione deve tenere presente la diversità dei vari complessi, che sono soggetti a vincoli paesaggistici. Inoltre, avendo gli immobili più di 70 anni, sono sottoposti a tutela ai sensi del Codice dei beni culturali. Solo nel caso dell'Ex Onarmo, è possibile prevedere la demolizione di di alcuni fabbricati di piccola dimensione.

Il montepremi di 19.500 euro prevede un primo premio di 14mila euro al vincitore. Al secondo e al terzo classificato andranno rispettivamente 3.500 e 2.000 euro. «È esclusa l'assegnazione di premi ex-aequo», precisa il bando.

La scelta della proposta avverrà con un punteggio calibrato in base ai seguenti elementi ( relativi punteggi massimi): Capacità di integrarsi con il tessuto storico-sociale, produttivo e turistico del luogo (30 punti); aspetti architettonici e funzionali (20); requisiti di sostenibilità ambientale e risparmio energetico (20); sistemazione delle aree esterne: viabilità, accessibilità, arredo urbano di completamento, riqualificazione dell'area di intervento (10); fattibilità tecnico-economica della proposta da realizzare «con particolare riferimento al contenimento dei costi complessivi di realizzazione, alla tempistica di realizzazione dell'intervento ipotizzato e all'ipotesi di redditività» (20).

La proposta va consegnata entro il 28 settembre 2012.


© RIPRODUZIONE RISERVATA