Progettazione e Architettura

Bando gratis, vincono gli architetti. Tra un mese le motivazioni

M.Fr.

«Il Tribunale Amministrativo Regionale della Valle d'Aosta, definitivamente pronunciando, accoglie il ricorso indicato in epigrafe e, per l'effetto, annulla gli atti con lo stesso ricorso impugnati». È questo l'epilogo - in attesa di conoscere le motivazioni (entro un mese) - della battaglia legale ingaggiata dagli architetti contro l'inziiativa del Comune di Aosta per il restyling della centrale Piazza XXIII.

I giudici amministrativi condannano il Comune al pagamento delle spese (2000 euro) e dispone anche il rimborso a favore dei ricorrenti.
- seguita alla discussione dell'assemblea dello scorso 20 giugno in sessione unica - è stata depositata lo scorso 22 giugno.

La vittoria per gli architetti è piena.I professionisti erano insorti contro l'iniziativa del comune che aveva pubblicato un avviso per cercare lo sponsor per la progettazione gratuita (preliminare ed esecutiva) per la piazza centrale della città, la piazza della cattedrale.

Una progettazione offerta a titolo gratuito in cambio di spazi pubblicitari per il professionista, l'azienda o il privato vincitore. Il bando era infatti rivolto a persone fisiche, enti, associazioni, società, imprese produttrici di beni e servizi.

Il motivo della scelta era quello del risparmio sui costi di progettazione. L'Ordine degli architetti, guidato da Sandro Sapia, ha subito segnalato la cosa al'Autorità di vigilanza e promosso un ricorso al Tar Aosta. L'effetto è stato di ottenere subito dai giudici amministrativi una sospensiva, poi seguita da una sentenza di inequivocabile e totale censura.


© RIPRODUZIONE RISERVATA