Progettazione e Architettura

La decisione shock di Net Engineering: fatturato Italia in discesa: via a 59 licenziamenti

Franco Tanel

La crisi non guarda in faccia nessuno e anche Net Engineering, una delle principali società di ingegneria nazionali, specializzata nelle infrastrutture, deve fare i conti, per la prima volta nella sua storia, con un processo di radicale ristrutturazione

Net Engineering, tra le principali società di ingegneria nazionali, ha resistito fino a oggi al sostanziale blocco delle commesse in Italia, e al rallentamento, per mancanza di fondi, di quelle già avviate, sperando che l'anno in corso desse qualche segnale di ripresa. Ma alla fine ha dovuto prendere atto che il futuro, in Italia è nerissimo. Di qui la decisione, sofferta ma inevitabile, di una riorganizzazione che comprende il licenziamento di 59 dipendenti su 160, nelle sedi storiche di Monselice e Rubàno: del resto in una società di ingegneria il costo principale della produzione è proprio quello del personale.

Parallelamente la società ha avviato una strategia di internazionalizzazione sui mercati emergenti in particolare Argentina e Brasile, Paesi dove l'economia è in ripresa e sono previste molte nuove infrastrutture. Una decisione che ha provocato qualche incomprensione con i sindacati, che temevano una delocalizzazione produttiva, scelta invece assolutamente esclusa dall'azienda che fa sapere di voler acquisire sì nuove commesse all'estero, ma per svilupparle in Italia con il personale rimasto.

Net Engineering ha progettato molte importanti infrastrutture, dal passante ferroviario di Torino, a Citylife a Milano, fino al servizio ferroviario metropolitano veneto e a Veneto City. Partecipa anche al project financing dell'autostrada Benevento-Caianello, da troppo tempo nel limbo. La società ha puntato sull'innovazione tecnologica: solo pochi mesi fa ha lanciato NetLab, il proprio centro di ricerca, che ha come direttore scientifico Ennio Cascetta, per offrire soluzioni innovative che integrino le nuove tecnologie con le infrastrutture in fase di progettazione.

Purtroppo questo non basta, se il mercato non c'è: dal 2009 il fatturato ha iniziato la discesa, anche se sempre con un utile di bilancio, e l'azienda ha preferito reagire ora piuttosto che aspettare i probabili, futuri bilanci in rosso. Sindacati e azienda hanno aperto un confronto, con la mediazione dell'assessorato al Lavoro della Provincia di Padova, per trovare la soluzione meno traumatica possibile ai licenziamenti, posto che sulla riduzione del personale Net Engineering ha fatto sapere di non volere far marcia indietro. La trattativa verte sulla riduzione del numero dei licenziati, su un percorso di ricollocamento e su un sostegno economico proporzionato ai carichi familiari di ogni lavoratore coinvolto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA