Progettazione e Architettura

Marco Piva firma il restyling dell'hotel 5 stelle vicino alla Stazione Centrale di Milano

P.P.

Lavori in corso a pochi passi dalla Stazione Centrale di Milano per riaprire entro il 2013 il nuovo Hotel Gallia, un hotel 5 stelle firmato Marco Piva. La sfida? Riportare la struttura ricettiva, che ormai si estende all'intero lotto, allo splendore di un tempo, coniugando la volontà della proprietà e dei progettisti nella ricerca di equilibrio tra antico e nuovo, in un rapporto dinamico di forme, spazi e materiali.

Lavori in corso a pochi passi dalla Stazione Centrale di Milano per riaprire entro il 2013 il nuovo Hotel Gallia, un hotel 5 stelle firmato Marco Piva. La sfida? Riportare la struttura ricettiva, che ormai si estende all'intero lotto, allo splendore di un tempo, coniugando la volontà della proprietà e dei progettisti nella ricerca di equilibrio tra antico e nuovo, in un rapporto dinamico di forme, spazi e materiali.

Duecentotrentacinque stanze, di cui 188 standard e 45 suite, una suite presidenziale e una royal. Il tutto distribuito su una superficie di più di 30mila mq in un'area di 4273 mq.

L'edificio in stile, un "falso bell'Epoque", sarà totalmente restaurato e ristrutturato e si affiancherà ad un edificio di nuova concezione che si ergerà su Piazza Duca D'Aosta, via Galvani e via Filzi, creando una cortina leggera di acciaio e vetro, un contrappunto alle forme piene e trionfalmente monumentali del Gallia "storico".

«Il nuovo edificio, grazie alla sua facciata in vetro serigrafato con toni chiari e scuri si propone - spiegano dallo studio milanese - soprattutto lungo la prospettiva di Via Vitruvio, come un elemento di coniugazione tra le texture della facciata del grattacielo Pirelli e con quelle un poco più distanti della torre Galfa».

La ristrutturazione e l'ampliamento dello storico Hotel Excelsior Gallia, nel cuore di Milano, si inserisce nel più ampio processo di riqualificazione urbana di Piazza Duca D'Aosta, dopo la recente conclusione dei lavori di ammodernamento della Stazione Centrale. L'operazione è sviluppata da un fondo di investimenti internazionali del Qatar che ha acquistato l'Hotel, costituito dall'edificio degli anni '30 e dalla sua estensione dei primi anni '60, chiamato Pirelli Sing, con l'intenzione di trasformarlo in un albergo cinque stelle lusso. L'acquisizione si estende successivamente anche agli altri tre edifici, ormai quasi fatiscenti, inseriti nel lotto di forma trapezoidale compreso tra le vie Filzi, Galvani e le piazze Duca D'Aosta e IV Novembre.

A seguito di una selezione internazionale il progetto di architettura viene conferito allo Studio Marco Piva, mentre per il progetto delle strutture e degli impianti viene affidato ad Arup.
Il project manager è Lend Lease, i cost controller sono G&T e SPI. Successivamente la divisione Interiors di Studio Marco Piva viene incaricata anche dell'Interior Design.


© RIPRODUZIONE RISERVATA