Progettazione e Architettura

Focus sull'India e sull'urbanizzazione informale alla British School di Roma

Al precedente programma della British School at Rome, dedicato al masterplanning su vasta scala, fa seguito il nuovo ciclo di seminari e mostre intitolato «Urban Landscapes – Indian Case Studies» che si concentra su alcune delle conseguenze del masterplanning formale e top-down, prendendo in considerazione forme alternative di urbanizzazione e strategie compensatorie ai problemi risultanti dall'imposizione di visioni spaziali iper-determinate.

L'attenzione si concentra su ciò che viene usualmente definito "informal urbanism", prendendo ad esempio i casi di Delhi e Mumbai per stimolare una discussione sul futuro della pianificazione urbana in generale. Inaugurazione: 11 maggio 2012

Da maggio 2012 a marzo 2013, un team internazionale e multidisciplinare di architetti, urbanisti, scrittori, storici dell'arte, antropologi e fotografi, attraverso seminari e mostre, esaminerà nuove linee di indagine relative a questi temi a livello sia accademico che professionale. Con mostre e nuovi lavori degli architetti Studio Mumbai e di Rahul Mehrotra, Professor of Urban Design and Planning alla Harvard University Graduate School of Design; fra gli altri invitati, lo scrittore William Dalrymple e l'antropologo Franco La Cecla, insieme ad Antonio Armellini, Stefano Boeri, Achille Bonito Oliva, Pippo Ciorra, Francesco Garofalo, Joseph Grima, Margherita Guccione e Silvia Ronchey.

Per Transitions, il primo evento, lo storico dell'arte Deepak Ananth ha selezionato tre fotografi indiani di tre diverse generazioni, per illustrare i cambiamenti subiti dal volto di Delhi negli ultimi sessant'anni. Le immagini dei desolati "New Towns" della metropoli indiana illustrano una realtà urbana globale, purtroppo molto diffusa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA