Progettazione e Architettura

In Inghilterra iscrizione doppia per i progetti pubblici

M.C.V.

L'iscrizione all'Ordine non è obbligatoria, nel Regno Unito, per poter operare: chiunque, in Gran Bretagna, può fare un «planning application», ovvero presentare un progetto in Comune. Diverso però se un professionista vuole operare come Architect (ruolo ben distinto dal paesaggista, il designer o l'urbanista) o vuole firmare progetti di iniziativa pubblica: in questo caso è necessaria una doppia iscrizione, all'Arb, l'Achitects Registration Board, cioè l'Ordine con compiti deontologici, che protegge il titolo, e al Riba, Royal Institute of British Architects, cioè un'associazione storica privata, fondata nel 1834, con il proposito di far avanzare l'architettura civile, attraverso iniziative di promozione e formazione, che conferisce la qualifica di Chartered Member, ovvero di professionista.

«L'iscrizione al Riba è aperta anche agli stranieri e sono molti gli aderenti dall'estero – spiega Paola Boffo, italiana di origini e Riba London Council Chair –. Per chi è già nell'albo di un altro Paese, non serve inserirsi nell'Arb, ma è necessario dimostrare la laurea quinquennale, non bastano i tre anni». L'assicurazione, in Uk, è obbligatoria per chi lavora al di fuori di uno studio professionale. Niente tariffe minime, abolite negli anni Ottanta: nel Paese delle liberalizzazioni, vige assoluta concorrenza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA